Teatro: “L’oro di Napoli” a Milano fino al 28 marzo

Uno spettacolo che mette in scena le atmosfere uniche della città di Napoli. Io amo molto questa città e trovo che sia una delle più belle scenografie teatrali. Per questo vorrei consigliarvi lo spettacolo "L'oro di Napoli" che è di scena fino al 28 marzo a Milano, al Teatro Manzoni. Un'opera tratta dall'omonimo libro di Giuseppe Marotta. Una vera e propria dichiarazione d'amore per la sua città: splendida e miserabile, amorosa e spietata, vissuta da personaggi che si inventano la vita giorno per giorno. Protagonisti Luisa Ranieri e Gianfelice Imparato.

Pubblicato da Assunta Corbo Martedì 9 marzo 2010

Teatro: “L’oro di Napoli” a Milano fino al 28 marzo

Uno spettacolo che mette in scena le atmosfere uniche della città di Napoli. Io amo molto questa città e trovo che sia una delle più belle scenografie teatrali. Per questo vorrei consigliarvi lo spettacolo “L’oro di Napoli” che è di scena fino al 28 marzo a Milano, al Teatro Manzoni. Un’opera tratta dall’omonimo libro di Giuseppe Marotta. Una vera e propria dichiarazione d’amore per la sua città: splendida e miserabile, amorosa e spietata, vissuta da personaggi che si inventano la vita giorno per giorno. Protagonisti Luisa Ranieri e Gianfelice Imparato.

Alcune pagine del libro di Giuseppe Marotta “L’Oro di Napoli” hanno ispirato anche il celebre film di Vittorio De Sica. Un film che mette in evidenza la remota, ereditaria, intelligente e superiore pazienza che contraddistingue i cittadini di Napoli. La capacità di rialzarsi sempre dopo ogni caduta.

E proprio queste stesse caratteristiche sono evidenziate nell’opera teatrale portata in scena dal regista Armando Pugliese con la collaborazione di Gianfelice Imparato. Una nuova ricomposizione dei racconti di Marotta di cui alcuni già sfruttati nel film di De Sica, altri invece inediti.

L’obiettivo è di restituire allo spettatore un grande affresco in cui vengono raccolte storie custodite da un unico palazzo nel centro storico di Napoli. Un palazzo-microcosmo popolato da personaggi che interagiscono tra loro nell’androne, tra le scale, nella strada, sui pianerottoli, dando vita a quella coralità dolente e magica di una città anche furbesca ed ingannatrice, ma non imbastardita da un degrado che sembra inarrestabile.

Le musiche sono di Nicola Piovani e gli attori in scena sono lo stesso Imparato, Luisa Ranieri e Valerio Santoro.

Info: www.teatromanzoni.it