Sport: in Abruzzo i 100 anni dello sci

100 anni di sport, turismo, imprenditoria e accoglienza. La regione Abruzzo si prepara a vivere la nuova stagione con grande coraggio dopo il terremoto che ha sconvolto persone e cose. Nel febbraio del 1910, come racconta la Rivista del Touring dell'aprile di quello stesso anno, si svolgeva a Roccaraso la prima gara di salto e fondo, competizione internazionale di ski a cui parteciparono atleti italiani, svedesi e norvegesi.

Pubblicato da Assunta Corbo Mercoledì 11 novembre 2009

100 anni di sport, turismo, imprenditoria e accoglienza. La regione Abruzzo si prepara a vivere la nuova stagione con grande coraggio dopo il terremoto che ha sconvolto persone e cose. Nel febbraio del 1910, come racconta la Rivista del Touring dell’aprile di quello stesso anno, si svolgeva a Roccaraso la prima gara di salto e fondo, competizione internazionale di ski a cui parteciparono atleti italiani, svedesi e norvegesi.

L’Abruzzo si prepara a festeggiare i 100 anni di sci in regione con una stagione di grande positività. Molte le novità anche in fatto di ammodernamento degli impianti. Prati di Tivo, per esempio, inaugura il nuovo impianto dotato di veicoli misti (seggiole quadriposto e cabine ad otto posti) con una stazione intermedia, situata a quota msm 1.760 che, nel periodo invernale, sarà ad uso esclusivo dei soli sciatori per permettere di utilizzare le piste che da essa si dipartono, mentre chi vorrà, potrà proseguire fino a quota 2006 msm.

Importanti trasformazioni anche ad Ovindoli dove è stato realizzato un nuovo impianto seggioviario esaposto ad agganciamento automatico; a Campo Felice, con la sostituzione della vecchia sciovia del “Colle Sx” con una nuova Seggiovia biposto ad agganciamento permanente denominata “Vallone del Nibbio – Colle Sx”; infine a Pescocostanzo, dove la seggiovia Vallefura da monoposto diventerà quadriposto.

I festeggiamenti si svolgeranno soprattutto a Roccaraso, località di punta. Per la ricorrenza sono diversi gli appuntamenti in programma (in particolare a cavallo di Capodanno) nel comprensorio sciistico dell’Alto Sangro. E’ stata ideata innanzitutto una mascotte (un bianco peluche cane pastore abruzzese, il guardiano delle pecore, uno dei simboli millenari della regione) il cui nome sarà scelto attraverso una cartolina-voto già distribuita allo Skipass di Modena.

Il momento clou sarà la settimana che va dal 21 al 28 Febbraio 2010 quando si svolgeranno a Roccaraso i Campionati italiani Juniores, una competizione sportiva di grande prestigio che farà da preludio ai Campionati Mondiali Juniores di Sci Alpino del 2012.