Ricette con i fiori, il digestivo alla centaurea per concludere un lauto pasto

Per terminare i psti in maniera naturale, che ne dite di servire il digestivo alla centaurea che potrete realizzare voi stesse con le vostre mani!

Pubblicato da Redazione Lunedì 27 febbraio 2012

Ricette con i fiori, il digestivo alla centaurea per concludere un lauto pasto

Se dopo pranzo o dopo cena volete servire ai vostri ospiti un digestivo originale e del tutto naturale, che ne dite di utilizzare la centaurea insieme ai fiori dell’assenzio? Ci vorrà più o meno un mesetto perché questo ‘intruglio’ sia pronto, quindi se avete in programma una cena a breve termine lasciate perdere. Se invece volete portarvi avanti con il lavoro, magari per Pasqua o per le cene estive che andrete a servire ai vostri amici, ecco come realizzare un digestivo fai da te che lascerà davvero tutti a bocca aperta. Perché è semplice ma molto buono!

Vediamo di che cosa abbiamo bisogno per realizzare questo digestivo alla centaurea: innanzitutto un vaso a chiusura ermetica, ma anche 10 grammi di centaurea fiorita, 10 fiori di assenzio, un pezzo di cannella, la buccia di un’arancia, 1,5 dl di alcol a 95 gradi, un litro di vino rosso, due cucchiai di zucchero di canna, un cucchiaino di miele, un pizzico di zenzero in polvere. Alla fine di tutto il processo avrete bisogno di una bottiglia dove conservare il tutto.

Passiamo ora al procedimento per realizzare questo gustoso e naturale digestivo: prendete il grande vaso con chiusura ermetica e inserite al suo interno la centaurea fiorita, i fiori di assenzio, la cannella e la buccia dell’arancia. Coprite il tutto con l’alcol. A questo punto dovrete chiudere benissimo il vostro vaso, che dovrà riposare per due settimane in un luogo asciutto e privo di luce. Ricordatevi di scuoterlo ogni tanto per evitare sedimenti.

Quando sono passati i quindici giorni, aggiungete al tutto il vino rosso, lo zucchero, il miele e lo zenzero. Richiudete il vaso e scuotetelo bene. Dovrà riposare per altre due settimane nello stesso luogo. Trascorsi i giorni necessari, filtrate il liquido un paio di volte e travasatelo nella vostra bottiglia.

Potete servirlo a fine pasto ai vostri ospiti, magari utilizzando il vassoio realizzato con decoupage che vi abbiamo proposto tempo fa!

Foto di Amadey2008.