Pulizia: i mobili della cucina

Pulire la cucina è una pratica che va fatta ogni giorno in modo da evitare di trovarsi di fronte ad una stanza sporca e unta. Ecco qualche consiglio su come pulire i mobili della cucina di qualunque materiale siano fatti

Pubblicato da Assunta Corbo Venerdì 2 aprile 2010

Pulizia: i mobili della cucina

La cucina è in assoluto l’ambiente di casa che più si sporca. Vi passiamo molto tempo e soprattutto la utilizziamo per cucinare, lavorare, prepare qualcosa da mangiare o altri lavoretti di casa. Mantenere pulita la cucina non è una cosa difficile ma bisogna essere molto bravi a non sporcare. E’ questo il primo passo da compiere. Nello stesso tempo va ricordato che non si tratta di una stanza intoccabile e quindi deve essere vissuta senza alcuno stress.

Quindi, usare la cucina ma cercare di mantenerla il più in ordine e pulita possibile. Come fare? Bastano pochi accorgimenti. Per prima cosa cerchiamo di non usare detersivi chimici ma preferiamo aceto e bicarbonato di sodio con un panno inumidito. Meglio ancora se in microfibra. In questo modo si possono evitare danni ambientali e si evitano manifestazioni allergiche.

Vediamo come pulire i mobili. I piani lavoro si puliscono in modo differente a seconda dei materiali di cui sono fatti. Per pulire il laminato occorre un panno morbido mentre per una pulizia più approfondita si può usare detergente neutro o per vetri. Evitate di utilizzare pagliette d’acciaio, acetone o detergenti abrasivi.

L’acciaio inox, invece, si lava con una spugna sintetica e detersivo neutro. Seguite la satinatura e sciacquate bene la superficie per evitare la formazione di aloni. Non utilizzate, ovviamente, prodotti abrasivi. Granito e marmo, anche se trattati con prodotti impermeabilizzanti, tendono a trattenere le macchie per questo è importante pulirli subito. Il granito va pulito con detersivo delicato, il marmo invece richiede maggiore attenzione e va lavato con acqua e sapone evitando detersivi liquidi.

Per le ante in laminato utilizzate acqua calda e aceto per le macchie di calcare. Mentre per le ante laccate, più delicate, si può usare un panno morbido o in microfibra, asciutto o umido con poco detersivo. Evitate spugne e prodotti abrasivi e acetone o ammoniaca.Per il legno passate un panno umido e soffice. Per una pulizia più profonda, invece, utilizzate detersivo liquido seguendo le venature. Sciacquate bene e asciugate.

Infine, per le ante d’acciaio utilizzate un panno morbido con aceto bianco caldo o alcool denaturato per le macchie. Se sono opache si possono usare prodotti specifici per l’acciaio.