Giardinaggio: piante acquatiche da ornamento

Ecco alcuni consigli su come trovare piante acquatiche e come mettere in scena una stupenda composizione floreale nel vostro giardino. Ecco alcune specie esistenti in natura.

Pubblicato da Ryan86 Mercoledì 24 marzo 2010

Chi di voi possiede un giardino abbastanza grande e non ha in giro cani che possano combinare mezzi disastri, avrà qualche volta pensato di creare un piccolo acquario con qualche pesciolino d’acqua dolce e qualche bella pianta acquatica in superficie che da quell’effetto vedo e non vedo alla pozza. Se non ci avete mai pensato, ve ne diamo subito l’occasione. Ci occupiamo adesso al recupero di queste bellissime piante, che sole bastano se volete dare un effetto incantato al vostro piccolo specchio d’acqua inserito in una cornice di prato verde o in una trama floreale.

Potrete costruire delle piccole pozze impermeabili con dei teli appositi per trattenere l’acqua oppure se avete la possibilità potrete costruirne una in muratura, molto più elegante sicuramente. Non servirà creare condutture per lo scarico dell’acqua se la vasca sarà contenuta, basterà cambiare di tanto in tanto l’acqua durante la stagione più calda. Non necessiterà quindi di grandi cure. Ora non rimane che trovare le piante che fanno al caso vostro.

Dove trovarle in natura mi chiederete voi. La risposta è semplice: li troverete nei canali, nelli stagni o lungo le rive dei laghi con un po’ di fortuna. Potreste trovare delle candide ninfee, regine delle acque palustri. Oppure la calta, la genziana d’acqua, gli slanciati ciperi oppure l’acoro dal rizoma profumato che ha proprietà toniche e che potreste utilizzare anche per farne aromatici infusi.

Le specie acquatiche più ornamentali sono però quelle esotiche, ottenibili da alcuni floricoltori specializzati, non difficili da coltivare in una vasca del giardino a addirittura in un recipiente di adeguate capacità da tenere su di una terrazza. Vi sono anche delle ninfee nane, che si accontentano di vegetare in una boccia di vetro. Lo stesso vale per il fior di loto, sacro agli egizi per l’elegante papiro col cui midollo fabbricavano millenni addietro la pregiata carta, era così diffuso sulle sponde calme dei fiumi, da renderne a volte molto complicata la navigazione. A voi la scelta delle piante che più si addicono al vostro giardino e ai vostri gusti.

Idea tratta dal libro “Terrazze e Giardini”