Fresche piadine per l’estate

Ecco un piatto fresco estivo da preparare facilmente per i vostri pic-nic estivi. Fate tesoro di questi consigli per preparare una piadina fatta in casa e abbinare ingredienti sempre freschi e gustosi.

Pubblicato da Ryan86 Domenica 6 giugno 2010

Il bello della cucina italiana è che è sicuramente molto varia e spazia da piatti raffinati a piatti tipici molto più rustici, piatti caldi oppure piatti freschi da mangiare al volo. E’ così che oggi vediamo un piatto tipico italiano, più precisamente romagnolo, gustoso da mangiare in estate senza bisogno di scaldarlo in forno: la piadina. La sfoglia morbida di pastella è possibile farcirla con centinaia di cibi diversi, combinabili tra di loro in appetitosi incontri. Molto più buona e soddisfacente da gustare la piadina fatta in casa. Bastano 1kg di farina, 250g di strutto, una punta di bicarbonato e acqua.

Per preparare l’impasto setacciate prima la farina dopodiché aggiungete bicarbonato e strutto. Impastate aggiungendo acqua fino ad ottenere un morbido panetto da dividere in palline. Stenderle fino a formare dei dischi di dimensioni a piacere. E la piadina è fatta: facile no? Per cuocerle basta una pentola antiaderente a fuoco vivace, bucando eventuali bolle sul nascere e girandole sull’altro lato quando la superficie è dorata.

Ora quello che vi resta da fare è farcire a piacere, preferibilmente con cibi freschi. Un abbinamento molto efficace ed estivo è prosciutto crudo, squacquerone, pomodorini freschi e rucola. Per i palati alla ricerca di gusti nuovi consigliamo di farcire con radicchio, grana e noci, da servire un po’ più calda.

Ma un sapore raffinato ma al tempo stesso pieno e gustoso è dato dall’abbinamento tra pecorino e fichi: per 4 piadine preparate 120 grammi di pecorino, 3 fichi freschi affettati e se si vuole dare un tocco di prelibatezza, un paio di cucchiai di miele. Servitela arrotolata su se stessa.

O perché no, servire con della classica e inimitabile piadina con Nutella e preparare una gustosa merenda per te e per il bambino, in modo da avere la carica giusta per la giornata.