Decoupage: cosa occorre

Visto che arriva l'inverno non c'è cosa più bella che dedicarsi ad alcune pratiche casalinghe. Il decoupage è sicuramente una di queste, insieme ai lavori a maglia per esempio. Se siete alle prime armi il primo passo è comprendere quali sono gli strumenti e i materiali da utilizzare e come farlo. Vediamolo insieme.

Pubblicato da Assunta Corbo Domenica 25 ottobre 2009

Visto che arriva l’inverno non c’è cosa più bella che dedicarsi ad alcune pratiche casalinghe. Il decoupage è sicuramente una di queste, insieme ai lavori a maglia per esempio. Se siete alle prime armi il primo passo è comprendere quali sono gli strumenti e i materiali da utilizzare e come farlo. Vediamolo insieme.

La prima cosa che occorre è la colla per il decoupage. La potete preparare per un lavoro e poi tenere per i successivi. Basta mettere in un vasetto con il tappo 60% di colla vinilica e il restante 40% di acqua. Una volta miscelata sarà utilizzata per i vostri lavori. Nei negozi specializzati ne esistono di specifiche.

Altro elemento importante sono i pennelli. Ne occorre uno piatto e grande per le superfici più ampie. Torna utile anche un piccolo rullo per evitare le bolle d’aria. Altri pennelli di misure diverse vengono utilizzati in base ai lavori da fare. Non dimentichiamo le forbici. Grandi per i fogli più ampi e piccole per le decorazioni più fini.

Passiamo quindi alla carta. Come potete immaginare in commercio ne esistono di ogni genere. Preferite quelle meno spesse e opache. In realtà potete usare qualunque carta da regalo o anche fogli di giornale. La carta lucida è più difficile da trattare e quindi è consigliabile solo dopo molta pratica. Sono molto pratici i tovaglioli che propongono anche un vasto assortimento di decori.

Ma dove porre il decoro? Sicuramente ottimo è il legno che risulta molto assorbente. Lo è meno la plastica quindi conviene fare delle prove e valutare il tipo di carta e di colla adatte. Una volta terminato il lavoro serve applicare il flatting lucido, la vernice finale. Deve essere passato per almeno 3 mani ed è sicuramente la migliore rifinitura. Se volete potete usare anche vernice opaca o lucida ad acqua. In commercio esistono anche vernici adatte ad antichizzare.