Cucina: Ricetta grande fritto vegetariano

Eccovi la ricetta di un piatto molto appetitoso. Il grande fritto vegetariano è una buona alternativa al fritto misto di pesce, a volte un po' troppo pesante. Buon appetito quindi.

Pubblicato da Ryan86 Lunedì 5 aprile 2010

Ecco a voi una simpatica e appetitosa ricetta vegetariana. Se un fritto misto di pesce con calamari e polipetti vi sembra troppo pesante per una cena, ecco una buona alternativa per il vostro secondo: un grande fritto vegetariano. Basta mettere insieme un po’ di verdure e ortaggi; potreste aprire il frigo e decidere cosa utilizzare in base agli ingredienti che già avete di volta in volta, senza seguire scrupolosamente la ricetta che prevede invece un misto di verdure. Andate quindi in cucina e procuratevi una frusta elettrica e un passaverdura, oltre che chiaramente gli ingredienti che sono riportati di seguito.

Questi gli ingredienti necessari per 6 persone: 350 ml di acqua; 325 g di farina; 4 uova (di cui uno per la pastella); 300 g di cavolfiore a cimette; 250 g di patate lesse; 150 g di cipolla; 100g di foglie di verza; 60 g di burro; 3 carciofi; grana padano grattugiato; noce moscata; aceto; vino bianco; olio extravergine di oliva; olio per friggere; sale grosso e sale fino.

Scottate in acqua bollente salata le cimette di cavolfiore per circa 8 minuti e le foglie di verza già tagliate a quadretti per un paio di minuti. Sgocciolatele su di un asciugamano e fatele asciugare. Tagliare la cipolla ad anelli di 3mm circa e metterli a bagno in acqua tiepida e aceto. Eliminate le foglie esterne e i gambi dei carciofi e tagliatene abbondantemente le punte di 2-3 cm. Tagliateli quindi a fettine e fatele stufare circa 20 minuti con un filo d’olio e un filo d’acqua, aggiungendo un po’ di sale per renderli più morbidi e asciutti. Preparate ora la pasta per bignè. Portate a bollore l’acqua con il burro e un pizzico di sale e versateci 250 g di farina, tenendo l’impasto sul fuoco e mescolando finchè sfrigola. Trasferirlo quindi su di un vassoio e farlo raffreddare, dopodiché con una frusta unire le 3 uova. Dividere l’impasto in due e in una aggiungerci le patate lesse passate col passaverdura e con l’aggiunta di sale e noce moscata grattugiata. All’altra metà di pasta aggiungete i carciofi precedentemente stufati, tritandoli grossolanamente, aggiungendo un pizzico di sale e un cucchiaio di grana.

Con la farina rimasta (200g), il tuorlo di un uovo, sale, 200ml di vino bianco e l’albume montato a neve, preparate la pastella. Scaldate abbondante olio in una padella alta e friggetevi in successione le verza ed i cavolfiori, poi gli anelli di cipolla sgocciolati chiaramente passati nella pastella. Quindi a cucchiaiate gettate l’impasto di patate e di carciofi, formando delle frittelle. Man mano che ogni parte diventa dorata per bene, sgocciolate su carta da cucina. Ed il fritto è fatto. Servite in tavola il fritto accompagnato da un buon prosecco. Buon appetito.

Idea tratta dal giornale “Io cucino”