Cucina: ricetta della sbrisolona mantovana

Ecco la ricetta della famosa sbrisolona Mantovana. Tipica per la sua consistenza e la sua bontà, questo dolce nasce nel '600 ed è tutt'ora una delle torte più apprezzate nel nord Italia.

Pubblicato da Ryan86 Lunedì 29 marzo 2010

In questo articolo vi illustrerò come riprodurre abbastanza fedelmente la famosissima Sbrisolona mantovana, esistente in molteplici varianti nelle zone limitrofe (In Veneto ad esempio viene comunemente chiamata Rosegotta). La ricetta risale al lontano ‘600 e ha origine dalla corte dei Gonzaga. Questa tipica torta della zona di Mantova si chiama così per la sua tendenza a sbriciolarsi fin da prima della cottura, questo è dovuto alla presenza di farina di mais e a causa del tipo di lavorazione della pasta. La sbisolona è una torta dura, molto friabile, che solitamente viene spezzata e non tagliata.

Ma non perdiamoci in chiacchiere e mettiamoci ai fornelli. Iniziate ad accendere il forno a 180° e nel frattempo immergete 200gr di mandorle dolci in acqua bollente dopodiché pelarle e tritarle non omogeneamente. Mescolate 250gr di farina bianca con 150gr di farina gialla a grana fine; unite insieme anche 200gr di zucchero e le mandorle che avete tritato poco fa. Aggiungete ora un po’ di scorza di limone grattugiata e un po’ di sale fino. Disponete tutto il mescolato a fontana e praticate il classico incavo al centro in cui verserete 2 tuorli d’uovo e 200gr di burro a pezzettini. Ora potete amalgamare e impastare sfregando tra le dita con l’obiettivo di non formare un composto omogeneo ma più grumoso. Versate il tutto in una tortiera con diametro di 25cm circa già imburrata e infarinata. Mantenete sempre una politica grossolana, non curandovi di livellare in modo preciso l’impasto. Distribuite quindi le mandorle tritate sopra il preparato. Colpite con i pugni leggeri la base della tortiera in modo da non lasciare spazi vuoti tra di essa e la torta. Infornate adesso al forno in temperatura a 180° per 60 minuti circa e servite la torta fredda con (se vi gusta) dello zucchero semolato. Buon appetito!