Come coltivare i girasoli in vaso: consigli utili per uno dei fiori più solari

Coltivare i girasoli in vaso direttamente a casa è abbastanza facile. Questa pianta annuale, dai fiori solari, colorati e profumati, è ideale per un balcone sempre estivo e allegro. Come è facilmente intuibile dal suo nome, la pianta di girasole cerca il sole e la luce e può essere curata per durare tutto l’anno.

Pubblicato da Elena Arrisico Giovedì 14 febbraio 2019

Come coltivare i girasoli in vaso: consigli utili per uno dei fiori più solari
Foto di Nyura/Shutterstock.com

I girasoli – il cui nome scientifico è Helianthus Annuus – sono una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae, che può essere facilmente coltivata in vaso a casa, seguendo alcuni piccoli accorgimenti. Siamo solitamente abituati ad ammirare i girasoli nei campi coltivati, ma se volete rallegrare il vostro balcone, sappiate che si può anche piantare in vaso. Come suggerisce il nome – “helios” vuol dire “sole” e “anthos” significa “fiore” – la particolarità di questa pianta è quella di cercare la luce e mettere allegria con il giallo e l’arancione acceso dei suoi fiori. Cosa fare e come coltivare, quindi, i girasoli in vaso? Scopriamo alcuni consigli utili per uno dei fiori più solari.

Il girasole in vaso

Il girasole in vaso
Foto di fotoknips/Shutterstock.com

Il girasole in vaso può essere coltivato semplicemente partendo dai semi o effettuando il travaso di una piantina. Potete scegliere tra il girasole nano e quello gigante: il primo è perfetto per piccoli ambienti, mentre il secondo ha bisogno di vasi più grandi. Il consiglio è quello di acquistare dei vasi di un diametro di almeno 50 centimetri con una profondità di 25-30 centimetri, così da consentire alla pianta di girasole di svilupparsi senza problemi ed, eventualmente, travasarla successivamente.

La semina del girasole

La semina del girasole
Foto di stockphoto mania/Shutterstock.com

Il periodo adatto per piantare i semi di girasole è quello che va dall’inizio della primavera all’inizio dell’estate. Si tratta di una pianta che cresce al meglio in terreni umidi, fertili e correttamente irrigati. Per procedere con la semina, fate come segue:

  • Create uno strato che sia drenante sul fondo del vaso, utilizzando dell’argilla espansa;
  • Aggiungete uno strato di materiale organico e del terriccio, fino ad arrivare a un paio di centimetri dal bordo del vaso;
  • Fate dei buchi profondi al centro del vaso di circa 3-4 centimetri, in un terriccio universale con pH compreso tra 6 e 7,5;
  • In ciascun buco, inserite tre semi;
  • Ricoprite con terriccio;
  • Inumidite per mantenere il terreno umido.

I primi germogli dovrebbero spuntare dopo una settimana circa, ma non dimenticate di trapiantarli in un vaso singolo quando raggiungeranno 7 centimetri di altezza. Per coltivare i girasoli, è importante anche sostenere la crescita della pianta, utilizzando dei cordini o delle canne di bambù, se necessario. Ovviamente, questa pianta ha bisogno di molta luce, almeno 4-5 ore di esposizione quotidiana: è necessario, dunque, riporre il vaso in una posizione soleggiata, ma che sia al riparo dal vento. La fioritura del girasole avverrà tra agosto e settembre.

L’annaffiatura del girasole in vaso

Annaffiatura del girasole
Foto di Sunny studio/Shutterstock.com

Per quanto riguarda l’annaffiatura del girasole in vaso, il terreno dovrà essere sempre umido, garantendogli acqua con regolarità: l’acqua dovrà essere versata direttamente sul terreno e mai sulle foglie e i fiori. Fate attenzione, però, ad evitare pericolosi ristagni idrici, che possano far marcire la pianta. Annaffiate circa ogni due giorni, la mattina presto e la sera.

La concimazione

La concimazione del girasole
Foto di Yuriy Lukin/Shutterstock.com

Per coltivare i girasoli, è importante concimare adeguatamente, scegliendo un prodotto nutriente che possa garantire il giusto apporto di potassio, azoto e fosforo: basterà un fertilizzante organico per agevolarne la crescita. Fate, inoltre, attenzione che non si compaiano ruggine, muffe o funghi: nel caso in cui dovessero presentarsi problemi del genere, chiedete al vostro vivaio di fiducia dei prodotti specifici per risolvere il problema, nel minor tempo possibile.

La potatura del girasole in vaso

La potatura del girasole
Foto di VelP/Shutterstock.com

Come procedere con la potatura del girasole in vaso? Generalmente, per coltivare i girasoli non è necessaria alcuna potatura, ma è importante garantire un aspetto ordinato e pulito: in caso di girasole appassito, eliminate le parti in questione, così come quelle secche. Trattandosi di una pianta annuale, quando appassisce si dovrà aspettare la fioritura l’anno seguente. Infine, per raccogliere i semi – magari, per preparare un risotto affumicato con semi di girasole – tagliate lo stelo e mettetelo a testa in giù, così da far seccare del tutto il fiore.