Viaggio a Goa, India: cosa vedere? Dove alloggiare? Consigli di viaggio

Goa, in India, è una delle località più amate dai turisti, grazie alla sue spiagge, al mare, al clima caldo e alla natura che la circonda. Non mancano le opere architettoniche da scoprire. Cosa vedere durante un viaggio a Goa, in India? Dove alloggiare? Qual è il periodo migliore per un viaggio? Scopriamo di più in merito, inclusi alcuni utili consigli di viaggio.

da , il

    Cosa vedere durante un viaggio a Goa, in India? Dove alloggiare? I consigli di viaggio da seguire sono diversi e possono essere utili a chi desidera trascorrere le proprie vacanze in questo piccolo paradiso. Dove si trova Goa? Si tratta del più piccolo Stato dell’India in termini di superficie. La capitale dello Stato è Panaji, ma è in tutto il Paese che troverete alcune delle spiagge più belle di Goa, dal mare e dal clima incantevole. Qual è il periodo migliore per un viaggio in India? Siete curiosi di scoprire di più in merito? Ecco alcuni utili consigli e informazioni per organizzare al meglio un viaggio a Goa.

    Goa in India

    Goa, in India, è, senza alcun dubbio, una delle mete più belle da poter visitare e scoprire in vacanza.

    Come anticipato prima, si tratta del più piccolo Stato dell’India in termini di superficie e la capitale del Paese è Panaji.

    Sono diverse le tracce della colonizzazione portoghese lungo tutto il Paese: i portoghesi, infatti, giunsero a Goa, all’inizio del XVI secolo, come mercanti e la conquistarono in poco tempo, rendendola parte dell’impero coloniale portoghese per la durata di ben 450 anni. Quest’ultimo fu uno dei domini più duraturi e antichi della storia, almeno fino a quando Goa non venne occupata dall’India nel 1961.

    Dove si trova Goa

    Dove si trova Goa? Come detto prima, Goa si trova in India: per la precisione, questo Paese sorge sulla costa occidentale dell’India, in una regione conosciuta come Konkan, al confine con il Maharashtra a nord e ad est e a sud con il Karnataka, mentre si affaccia sul Mar Arabico ad ovest.

    Cosa vedere a Goa

    Chiesa di Nostra Signora dell’Immacolata Concezione a Goa

    Cose da vedere a Goa? Le Dudhsagar Falls sono delle bellissime cascate bianche, che si trovano nel Bhagwan Mahavir Wild Life Sanctuary nel sud di Goa: si sono formate dal fiume Mandovi e si trovano a circa 60 chilometri dalla città di Panaji. Durante la stagione delle piogge, da giugno a settembre, le strade che portano alle cascate sono chiuse.

    La Basilica of Bom Jesus – ovvero, la Basilica del Buon Gesù – è una chiesa in stile barocco, che venne costruita tra il 1594 e il 1605: rappresenta una delle mete di pellegrinaggio più famose del Paese e, dal 1986, è Patrimonio dell’UNESCO.

    Fort Aguada è una fortezza portoghese seicentesca del Paese, sulla spiaggia di Sinquerim, davanti al Mar Arabico: un piccolo pezzo di storia del Paese da ammirare di presenza.

    Da non perdere anche la Chiesa di Nostra Signora dell’Immacolata Concezione a Panaji: una chiesa bianca costruita dai portoghesi nel 1541 come cappella e sostituita, nel 1600, con la chiesa giunta a noi.

    Le spiagge più belle di Goa

    Quali sono le spiagge e le destinazioni più belle di Goa, in India? Il mare è quello Arabico e attira a sé, ogni anno, moltissimi turisti sia indiani che stranieri.

    Agonda Beach è una delle spiagge più rinomate del Paese: si trova, per l’appunto, nel centro di Agonda e rappresenta una meta molto amata per le vacanze al mare, in quanto luogo adatto per rilassarsi al sole immersi nella splendida natura circostante. Non è raro avvistare delle tartarughe sul suo litorale, nel mese di settembre.

    Ci sono, poi, Palolem Beach, Arambol Beach e Baga Beach, bellissime spiagge da vivere, soprattutto, tra il mese di ottobre e quello di marzo.

    Il clima a Goa, in India

    Per quanto riguarda il clima a Goa, in India, trovandosi vicino al Mar Arabico e in una zona tropicale, è particolarmente umido e caldo quasi tutto l’anno.

    Il mese più caldo è quello di maggio, quando le temperature possono superare i 35°C.

    Non mancano i monsoni all’inizio di giugno e le piogge torrenziali, che durano fino alla fine di settembre all’incirca.

    Il periodo migliore per un viaggio in India

    Qual è il periodo migliore per un viaggio in India? Considerati il clima e le temperature del Paese, il periodo più adatto per delle vacanze nel Paese è quello che va dalla metà di dicembre a fine febbraio circa, ovvero quando le temperature raggiungono i 29°C di giorno e i 20°C di notte.

    La vita notturna a Goa

    La vita notturna a Goa è molto movimentata: non mancano ristoranti, bar, discoteche, locali e club di vario genere, in special modo sul litorale, si tratta, quindi, di luoghi particolarmente frequentati dai turisti, ma anche dagli abitanti di Goa.

    Voli per Goa

    I voli per Goa non sono diretti dall’Italia, ma è necessario effettuare due o più scali per una durata totale di circa 15 ore di volo. L’aeroporto di Dabolim è l’unico presente nello Stato.

    È possibile partire, ad esempio, da Roma con Air India, Jet Airways, Qatar Airways, Lufthansa o altre compagnie che consentono di giungere in India.

    Quanto costa una vacanza a Goa? I prezzi partono da circa 800 euro, andata e ritorno e non mancano i pacchetti vacanze per Goa acquistabili sia presso le agenzie di viaggio che online.

    Dove alloggiare a Goa

    Dove alloggiare a Goa? Nel Paese, sono presenti diverse strutture per potersi godere appieno una vacanza all’insegna della natura.

    Casa Susegad si trova, ad esempio, in mezzo alla giungla e a soli due passi dal villaggio di Loutolim: si tratta di un albergo accogliente, che offre molti comfort per un soggiorno piacevole a Goa.

    Taj Exotica Resort & Spa Goa è, poi, uno degli hotel più belli, ma la scelta è veramente ampia.

    Consigli utili per un viaggio in India

    Cercate dei consigli utili per un viaggio in India?

    Iniziamo da una delle domande più frequenti: “vaccinarsi prima di partire è obbligatorio?”. Le vaccinazioni non sono obbligatorie,ma è comunque importante chiedere al proprio medico se è il caso di effettuare dei vaccini contro l’epatite A e B, il tifo, la difterite, la polio e la tubercolosi, oltre al richiamo antitetanico.

    Per un viaggio tra giugno ad ottobre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia ai viaggiatori di vaccinarsi contro la meningite e l’encefalite giapponese, oltre ad effettuare la profilassi contro la malaria: durante questi mesi, infatti, aumenta sensibilmente il rischio di contrarre la malaria, il dengue e altre malattie trasmesse dalle zanzare portatrici di virus.

    Per un viaggio in India, occorrono il passaporto con almeno 6 mesi di validità residua e un visto, che dovrà essere richiesto con anticipo agli uffici consolatori indiani in Italia.

    Quanti soldi portare in India? Meglio andare sul sicuro e portare con sé una ventina di euro circa al giorno per persona, ovviamente escluse eventuali spese di alloggio. Sono, ad ogni modo, accettate le carte di credito.

    Per quanto riguarda la conversione in euro della rupia indiana, quest’ultima è, per l’appunto, la moneta del Paese, ma ne è vietata l’esportazione e l’importazione: potrete, quindi, convertire gli euro in rupie presso le banche o gli alberghi.

    Cosa non fare in India

    Cosa non fare in India? Alla dogana indiana, all’arrivo in aeroporto, evitate di non dichiarare somme superiori all’equivalente di 5 mila dollari in contanti e 10 mila dollari in travellers cheques. Per trasportare oggetti in grandi quantità o di grande valore, occorre un’autorizzazione della dogana prima di partire dall’Italia. Per ulteriori informazioni sulla dogana, è bene visitare il sito web del Central Board of Excise and Customs.

    Cosa non indossare in India? È opportuno evitare accuratamente abiti corti, pantaloncini e gonne. Si consiglia un abbigliamento sportivo e con scarpe comode, magari dei capi di cotone o lino, senza dimenticare qualche maglioncino.

    Cosa non mangiare? Le condizioni igieniche lasciano un po’ a desiderare, per cui evitate assolutamente di bere l’acqua del rubinetto e di consumare cibi crudi o poco cotti.

    Dolcetto o scherzetto?