Statue del presepe fai da te: tante idee di riciclo [FOTO]

da , il

    Statue del presepe fai da te. Ecco tante idee di riciclo creativo per dare nuova vita a oggetti e accessori che, altrimenti, andrebbero a finire tra i rifiuti o in fondo a un cassetto, ma anche per reinventare materiali e strumenti nati con obiettivi e finalità decisamente differenti. Il tutto con la giusta dose extra di creatività e originalità.

    Vecchi tappi, nuove statuine

    I tappi delle bottiglie, sia quelli di sughero sia quelli di plastica, trasparenti, bianchi o anche colorati, possono diventare i protagonisti originali di progetti di riciclo creativo davvero unici. Riciclo creativo per dare vita a personaggi del presepe altrettanto suggestivi e particolari.

    I tappi di sughero, complice la loro forma cilindrica, si prestano perfettamente a diventare i corpi delle statuine del presepe. Da Giuseppe a Maria, fino al bambino Gesù, al bue e all’asinello, bastano i tappi di sughero, da agghindare con nastri e pezzi di stoffa e da decorare con pennarelli colorati, e il gioco è fatto.

    Discorso leggermente diverso, invece, per i tappi di plastica. Dischi colorati che possono diventare i volti delle statuine oppure rappresentare il pezzo forte di una creazione davvero unica. Un presepe disegnato, su un cartellone da appendere (o da appoggiare su un cavalletto come un’opera d’arte), interamente a colpi di tappi di plastica. Come? Basta disegnare sul cartellone i contorni delle statuine del presepe e poi, armandosi di buona volontà e molta pazienza, incollare, fino a riempire tutti gli spazi necessari, i tappi di plastica con l’aiuto della colla a caldo.

    Carta o pannolenci per il presepe?

    Un dilemma da pieno delirio di riciclo creativo. Ma, per realizzare le statuine del presepe fai da te non sempre serve scegliere. Si possono utilizzare sia la carta e il cartoncino, sia il pannolenci e altri avanzi di stoffe, nastri e nastrini vari.

    Innanzitutto, la base di partenza è di cartoncino, che arrotolato a dovere, oppure utilizzando i rotoli avanzati dalla carta igienica già fatti, diventa un perfetto “corpo” per i personaggi del presepe. A questo punto mancano tutti i dettagli e gli accessori del caso. A colpi di pannolenci, stoffa e nastri, ma anche di avanzi di fili di lana e cotone (perfetti per i capelli), si vestono tutte le statue del presepe, dagli abiti ai capelli, bambino Gesù compreso, che ha bisogno di un corpicino più piccolo ed esile, facilmente realizzabile anche con un pezzo di feltro leggermente arrotolato su se stesso.