Ricette con i fiori, la marmellata con le bacche di biancospino

da , il

    bacche di biancospino

    La marmellata fatta in casa è una bontà: se avete delle bacche di biancospino che vi avanzano, che ne dite di preparare con noi questa gustosa ricetta che può diventare un’ottima prima colazione, da spalmare sopra le fette biscottate o del pane fresco, appena uscito dal forno (vostro o del vostro fornitore di fiducia), oppure di una crostata davvero ghiotta e particolare? Fare le marmellate in casa, se si hanno a disposizione gratis gli ingredienti principali, può essere un ottimo modo per risparmiare un po’ sulla spesa, ma anche per portare a tavola qualcosa di veramente sano. E fatto con le vostre mani!

    Ingredienti per realizzare la marmellata di bacche di biancospino

    Per realizzare questa gustosa ricetta dovrete avere a disposizione i seguenti ingredienti: un po’ di bacche di biancospino, 900 grammi di zucchero semolato per ogni chilogrammo di polpa, un bacello di vaniglia, un po’ di acqua.

    Come preparare la marmellata alle bacche di biancospino

    Prendete le bacche più grosse che riuscite a trovare e possibilmente che siano prive di ammaccature e belle rosse, perché il gusto è decisamente migliore. Dopo averle lavate perfettamente, in acqua rigorosamente fredda, mettetele in una pentola capiente di acciaio. Riempite la pentola con l’acqua e fate cuocere il tutto a fiamma moderata, tenendo d’occhio i fornelli.

    Potrete togliere le bacche dal fuoco quando si saranno completamente ammorbidite. A questo punto potete prendere il vostro settaccio e passarle delicatamente, per ottenerne la polpa. Pesatela (deve essere un chilo per gli ingredienti sopra proposti: se è di più o di meno, fate le dovute proporzioni!), aggiungete la vaniglia e lo zucchero. Mescolate il tutto alla perfezione, utilizzando rigorosamente un cucchiaio di legno. Rimettete sul fuoco, continuando a mescolare, finché la marmellata non avrà raggiunto la consistenza ideale.

    Quando la marmellata è ancora calda, va messa nei barattoli, che avrete prima sterilizzato. Chiudeteli con i coperchi ermetici, teneteli a testa in giù fino a quando non si saranno raffreddati.

    Ricordatevi di scrivere sopra il barattolo il contenuto e la data di preparazione, così da consumare prima quella più vecchia. I barattoli vanno conservati in una stanza buia e fresca. Come usarla? In ricette di dolci che prevedano la marmellata (crostate, croissant di pasta sfoglia ripieni, Sacher Torte), ma anche al mattino per colazione: una sana abitudine per cominciare bene la giornata!

    E se vi piacciono tanto le marmellate fatte in casa, ecco per voi altre gustose ricette:

    Ricetta della marmellata di mele.

    Ricetta della marmellata di primule.

    Ricetta della marmellata di sambuco.

    Ricetta della marmellata ai fiori di acacia e mele.

    Foto di Nociveglia.