Lavori a maglia: un morbido maglione a collo alto

Maglione a collo alto

Un morbidissimo maglione a collo alto per le fresche serate ventose. Procuratevi 400 grammi di lana tipo shetland color avana e preparate i ferri numero 3 più un ferro circolare. La taglia prevista è una 46, se volete realizzare invece una 42, diminuite di circa un quarto sia le maglie che la quantità di lana impiegata. Punti impiegati: maglia dritta e maglia a rovescio, lavorando alternativamente cinque maglie alla volta. Create, prima di iniziare con l’esecuzione, un campione di 24 maglie e 40 ferri per un totale di 10 centimetri, per prendere le misure.

Esecuzione: dietro e davanti si lavorano allo stesso modo fino all’altezza dello scalfo manica. Avviare 116 maglie in avana e lavorare con i ferri n.3; per il margine, all’inizio ed alla fine del ferro, 3 maglie rovescio poi alternare 5 maglie dritto e 5 a rovescio. A 42 centimetri d’altezza intrecciare, per lo scalfo, 7 centimetri per parte e le restanti lasciarle in sospeso sull’apposita spilla o ferro ausiliario. Attenzione che i margini devono restare di 3 maglie dritte che formeranno la costa del raglan insieme a quelle delle maniche.

Maniche: avviate 52 maglie in avana, iniziando e terminando con una maglia di margine e le restanti a coste. Aumentando ad entrambi i lati 17 volte 1 maglia ogni 9 ferri. A 47 cm intrecciare, per lo scalfo manica, 8 maglie. Lasciare in sospeso.

Raglan: unire tutti i pezzi su un ferro circolare grande, facendo attenzione che, all’unione dei pezzi, si formi una costa di 5 maglie dritte ai lati della quale si dovranno fare le calature del raglan, prendendo insieme al dritto la prima maglia della costa e la maglia precedente, mentre l’ultima maglia della costa va accavallata sulla seguente. Ripetere queste calature 27 volte. Proseguire lavorando con lo stesso motivo i punti rimasti, per 24 cm, per fare il collo. Chiudere facendo attenzione a lasciare lente le maglie di chiusura.

Stendere infine aperto il maglione e stirare senza premere, a vapore. Cucire i lati e le maniche. E il gioco è fatto.

Segui Pour Femme

Giovedì 08/07/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Scopri PourFemme
torna su