Inviti comunione: idee fai da te e da stampare [FOTO]

da , il

    Per rendere le celebrazioni di un sacramento così speciale per i più piccoli, cosa c’è di meglio degli inviti per la comunione fai da te, originali e creativi? Che si tratti di biglietti già pronti, con immagini già predefinite, solo da stampare e assemblare o di vere e proprie opere di bricolage, tutte da inventare e realizzare, poco importa. L’importante è trovare l’idea fai da te giusta. Ecco qualche spunto interessante, per confezionare in casa, con un occhio alla fantasia e uno alle finanze, che in tempo di crisi non guasta mai, gli inviti per la comunione.

    Carta, nastri e fantasia

    Invito di carta e nastro

    Si possono realizzare splendidi inviti per la comunione, per assicurarsi la presenza dei parenti e degli amici più importanti, in modo casalingo, magari coinvolgendo anche il piccolo protagonista della celebrazione. Un’idea interessante, facile da realizzare ed economica, è la partecipazione composta da diversi strati di carta e decorata con il nastro di raso.

    L’occorrente per questo progetto: fogli di carta colorata (preferibilmente di tre sfumature dello stesso colore), colla vinilica, forbici, righello, matita, nastro di raso.

    Si comincia ritagliando i fogli di carta, con l’aiuto di matita e righello, per ottenere tre rettangoli di diverse dimensioni, dal più grande al più piccolo, che poi verranno sovrapposti. Il primo misura circa 20 cm di lunghezza e 14 cm di larghezza, il secondo e il terzo misurano rispettivamente 4 e 8 cm in meno. Sul rettangolo più piccolo si incolla il nastro, scegliendo una decorazione a piacere: si può chiudere in un nodo o un fiocco per esempio.

    Preparati tutti i componenti non resta che assemblarli, utilizzando la colla vinilica. Dopo aver lasciato asciugare il tutto per qualche ora, si può scrivere luogo e data di cerimonia e festa sul retro dell’invito.

    La semplicità e l’originalità

    Invito con cartoncino ondulato

    I biglietti di invito originali e di stile possono essere composti anche da un cartoncino marrone ondulato, economico o facilmente recuperabile da vecchi scatoloni o imballaggi, e da un foglio di carta velina o carta di riso.

    L’occorrente: cartone ondulato (preferibilmente non troppo rigido), carta velina o di riso colorata, colla vinilica, forbici, spago.

    Basta ritagliare un rettangolo di cartone ondulato, lungo 20 cm e largo 26, e un rettangolo di carta velina o carta di riso da 12 cm. Dopo aver incollato la carta colorata al centro del cartone ondulato (dal lato liscio se c’è), cioè tenendo un margine superiore e inferiore di 7 cm, si richiude il cartoncino su se stesso, fissando il tutto con due o tre giri di spago e un fiocchetto. L’invito vero e proprio va scritto sulla carta velina o di riso.