Festa della donna: tutte le poesie da regalare l’8 marzo

da , il

    festa della donna i fiori

    Avete già pensato cosa regalare in occasione della Festa della Donna? Manca poco all’8 marzo e se avete pensato al più classico dei regali, un bel mazzo di fiori, magari quelle mimose simbolo proprio di questa celebrazione tutta al femminile, sappiate che sarà sicuramente un dono gradito. Per evitare di scadere nella solita banalità, però, meglio accompagnare il dono floreale con un bigliettino d’auguri speciale, in grado di far rivivere il pensiero dei grandi poeti sulle donne.

    Dopo le frasi per augurare una meravigliosa Festa della Donna a tutte le donne importanti della vostra vita, ecco delle poesie che le lasceranno a bocca aperta:

    Poesie per la Festa della Donna italiane

    Di Fresca Donna Riversa in Mezzo ai Fiori di Salvatore Quasimodo

    S’indovinava la stagione occulta


    dall’ansia delle piogge notturne,


    dal variar nei cieli delle nuvole,


    ondose lievi culle;


    ed ero morto.

    Una città a mezz’aria sospesa


    m’era ultimo esilio,


    e mi chiamavano intorno


    le soavi donne d’un tempo,

    e la madre, fatta nuova dagli anni,


    la dolce mano scegliendo dalle rose


    con le più bianche mi cingeva il capo.

    Fuori era notte


    e gli astri seguivano precisi


    ignoti cammini in curve d’oro


    e le cose fatte fuggitive


    mi traevano in angoli segreti


    per dirmi di giardini spalancati


    e del senso di vita;


    ma a me doleva ultimo sorriso

    di fresca donna riversa in mezzo ai fiori.

    La boccuccia di Gabriele D’annunzio

    Sei come un piccolo fiore

    tu tieni una boccuccia

    un poco, davvero un poco

    appassionata.

    Suvvia, dammelo, dammelo

    è come una piccola rosa

    dammelo un bacino

    dammelo, Cannetella!

    Dammelo e pigliatelo

    un bacio piccolino

    come questa tua boccuccia

    che somiglia ad un piccola rosa

    un po’, davvero un poco

    appassionata.

    La belle dame sans merci di Eugenio Montale

    Certo i gabbiani cantonali hanno atteso invano

    le briciole di pane che io gettavo

    sul tuo balcone perché tu sentissi

    anche chiusa nel sonno le loro strida.

    Oggi manchiamo all’appuntamento tutti e due

    e il nostro breakfast gela fra cataste

    per me di libri inutili e per te di reliquie

    che non so: calendari, astucci, fiale e creme.

    Stupefacente il tuo volto s’ostina ancora, stagliato

    sui fondali di calce del mattino;

    ma una vita senz’ali non lo raggiunge e il suo fuoco

    soffocato è il bagliore dell’accendino.

    L’ultimo addio di Ugo Foscolo .

    T’amai, dunque, t’amai, e t’amo ancor

    di un amore che non si può concepire

    che da me solo. E’ poco prezzo,

    o mio angelo, la morte per chi

    ha potuto udir che tu l’ami,

    e sentirsi scorrere in tutta

    l’anima la voluttà del tuo bacio,

    e pianger teco – io sto col piè

    nella fossa; eppure tu anche

    in questo frangente ritorni,

    come solevi, davanti a questi occhi

    che morendo si fissano in te,

    in te che sacra risplendi

    di tutta la tua bellezza…

    Io muoio… pieno di te,

    e certo del tuo pianto…

    La rosa bianca di Attilio Bertolucci

    Coglierò per te 


    l’ultima rosa del giardino, 


    la rosa bianca che fiorisce 


    nelle prime nebbie. 


    Le avide api l’hanno visitata 


    sino a ieri, 


    ma è ancora così dolce 


    che fa tremare. 


    E’ un ritratto di te a trent’anni, 


    un po’ smemorata, come tu sarai allora.

    Poesie per la Festa della Donna europee

    Paris at night di Jacques Prevert

    Tre fiammiferi uno dopo l’altro accesi nella notte

    Il primo per vedere intero il volto tuo

    il secondo per vedere gli occhi tuoi

    l’ultimo per vedere la tua bocca

    e l’oscurità completa per ricordarmi queste immagini

    Mentre ti stringo a me tra le mie braccia.

    Donne dannate di Charles Baudelaire

    Coricate sulla sabbia come armento pensoso 


    volgono gli occhi verso l’orizzonte marino e i piedi 


    che si cercano, le mani ravvicinate

    hanno dolci 
languori e brividi amari.

    Le une, cuori innamorati di lunghe confidenze,

    nel 
folto dei boschetti sussurranti di ruscelli,

    vanno 
riandando l’amore delle timide infanzie

    e incidendo 
il legno verde dei giovani arbusti;

    altre, camminano lente e gravi come suore 


    attraverso le rocce piene di apparizioni,

    dove 
Sant’Antonio vide sorgere,

    come lava, i seni nudi

    e 
purpurei delle sue tentazioni;

    e ve n’è che ai bagliori di resine stillanti,

    nel muto 
cavo di vecchi antri pagani,

    ti chiamano in soccorso 
delle loro febbri urlanti,

    o Bacco, che sai assopire 
gli antichi rimorsi.

    Altre, il cui petto ama gli scapolari

    e nascondono il 
frustino entro lunghe vesti,

    mischiano, nelle notti 
solitarie e nei boschi scuri,

    la schiuma del piacere e 
le lagrime degli strazi.

    O vergini, o demòni, mostri, martiri, grandi spiriti 


    spregiatori della realtà, assetate d’infinito,

    devote o 
baccanti, piene ora di gridi ora di pianti,

    o voi, che la mia anima ha inseguito nel vostro 
inferno,

    sorelle, tanto più vi amo quanto più vi 
compiango per i vostri cupi dolori,

    per le vostre seti 
mai saziate,

    per le urne d’amore di cui traboccano i 
vostri cuori.

    Le loro mani son di donna di Rainer Maria Rilke

    Le loro mani son mani di donna,


    e non so qual maternità le infonde.


    Giulive, come il passero che reca

    nuove pagliuzze a costruir suo nido.


    Nel prender, calde;

    placide, nel dare:


    coppe che han sete di farsi ricolme.

    All’orecchio di una ragazza di Federico Garcia Lorca.

    Non volli.

    Non volli dirti nulla.

    Vidi nei tuoi occhi

    due alberi folli.

    Di brezza, di riso e d’oro.

    Oscillavano.

    Non volli.

    Non volli dirti nulla.

    Poesie per la Festa della Donna americane

    Una dedica a mia moglie di Thomas Stearns Eliot

    A cui devo la gioia palpitante

    che tiene desti i miei sensi nelle ore di veglia,

    e il ritmo che scandisce il riposo

    delle nostre ore di sonno,

    l’accordo del respiro

    di due amanti i cui corpi

    profumano l’uno dell’altro,

    che pensano uguali pensieri

    e non hanno bisogno di parole

    e sussurrano uguali parole

    senza la necessità di un senso.

    Il vento stizzoso dell’inverno non farà gelare

    il sole astioso del tropico non farà seccare

    le rose nel giardino di rose che è soltanto nostro

    ma scrivo questa dedica perché altri la leggano:

    sono parole private indirizzate a te in pubblico.

    Poesie per la Festa della Donna sudamericane

    Donna di Eliomar Ribeiro de Souza

    Nel tuo esserci l’incanto dell’essere,

    La vita, tua storia,

    segnata dal desiderio d’essere

    semplicemente donna!

    Nel tuo corpo ti porti,

    come nessun altro,

    il segreto della vita!

    Nella tua storia

    la macchia dell’indifferenza,

    della discriminazione, dell’oppressione…

    in te l’amore più bello,

    la bellezza più trasparente,

    l’affetto più puro

    che mi fa uomo!

    Corpo di donna di Pablo Neruda

    Corpo di donna, bianche colline, cosce bianche,

    tu rassomigli al mondo nel tuo atteggiamento d’abbandono.

    Il mio corpo di contadino selvaggio ti scava

    e fa saltare il figlio dal fondo della terra.

    Sono stato solo come una galleria. Da me fuggivano gli uccelli

    e in me la notte entrava con la sua invasione possente.

    Per sopravvivermi ti ho forgiata come un’arma,

    come una freccia al mio arco, come una pietra nella mia fionda.

    Ma cade l’ora della vendetta, e ti amo.

    Corpo di pelle, di muschio, di latte avido e fermo.

    Ah le coppe del petto! Ah gli occhi dell’assenza!

    Ah la rosa del pube! Ah la tua voce lenta e triste!

    Corpo di donna mia, persisterà nella tua grazia.

    La mia sete, la mia ansia senza limite, la mia strada indecisa!

    Oscuri fiumi dove la sete eterna continua,

    e la fatica continua, e il dolore infinito.

    Poesie per la Festa della Donna asiatiche

    Donna di Rabindranath Tagore

    Donna, non sei soltanto l’ opera di Dio,


    ma anche degli uomini,

    che sempre
ti fanno bella con i loro cuori.

    I poeti ti tessono una rete


    con fili di dorate fantasie;


    i pittori danno alla tua forma


    sempre nuova immoralità.

    Il mare dona le sue perle,


    le miniere il loro oro,


    i giardini d’ estate i loro fiori 
per adornarti,

    per coprirti,
 per renderti sempre più preziosa.

    Il desiderio del cuore degli uomini


    ha steso la sua gloria
sulla tua giovinezza.


    Per metà sei donna,

    e per metà sei sogno.

    Il più bello dei mari di Nazim Hikmet

    Il più bello dei mari

    è quello che non navigammo.

    Il più bello dei nostri figli

    non è ancora cresciuto.

    I più belli dei nostri giorni

    non li abbiamo ancora vissuti.

    E quello

    che vorrei dirti di più bello

    non te l’ho ancora detto.

    E voi quale poesia dedichereste per la Festa della Donna?