Come sturare il lavandino in modo naturale

da , il

    Lavandino

    Come sturare il lavandino – Sturare il lavello in modo naturale? Che sia del bagno o della cucina, è utile sapere come sgorgare un lavandino intasato e gli scarichi della casa in generale senza utilizzare prodotti chimici dannosi per la salute, per l’ambiente e per la nostra stessa abitazione. I rimedi sostitutivi da poter utilizzare sono diversi, tutti efficaci e vi consentiranno anche di risparmiare, evitando di acquistare i classici prodotti in commercio. Ecco, quindi, alcuni preziosi e semplici consigli per sturare il lavandino di casa in modo del tutto naturale ed alternativo.

    Come sturare il lavandino: primi consigli

    Utilizzando alcuni di questi rimedi casalinghi – spesso utilizzati anche per pulire i lavelli o la casa – probabilmente potrete evitare di chiamare l’idraulico, risparmierete e resterete soddisfatti liberando l’ingorgo. Sale e bicarbonato sono una prima alternativa semplice a cui poter ricorrere: basterà, infatti, versare 4 cucchiai di sale grosso e 4 cucchiai di bicarbonato, prima di versare una pentola di acqua bollente nella zona da liberare. L’acqua calda può essere una soluzione anche soltanto abbinata ad uno sturalavandini, se non avete ingredienti in casa: versatela poco alla volta ed aiutatevi, se necessario, con del fil di ferro per liberare il lavandino. Anche bicarbonato ed aceto e bicarbonato ed acido citrico insieme vanno benissimo – oltre all’acqua bollente – perché creano una reazione chimica che tende a sbloccare le otturazioni nelle tubature: basterà lasciare agire per qualche ora il tutto.

    Come sturare il lavandino: ultimi consigli

    Una ricetta fai da te utile per sturare i lavandini? Sale, aceto ed acqua calda sono un mix eccellente ed ecologico per liberare gli scarichi: riscaldate circa 500 millilitri di aceto ed un litro d’acqua a parte, dove verserete 5 cucchiai di sale grosso da mescolare, poi versate prima l’aceto e, successivamente, l’acqua salata. Sarebbe meglio evitare altre soluzioni come, ad esempio, le bibite gassate e simili perché sono talmente corrosive da liberare gli scarichi intasati, ma da risultare anche un pericolo per le tubature, se usate a lungo andare. Se avete il lavandino intasato, ricordate di gettare via i prodotti chimici di turno, perché sono altamente inquinanti per il terreno e per le falde acquifere; sfruttate, piuttosto, uno dei rimedi alternativi, economici ed ecologici, che potrebbero fare al caso vostro, risolvendo il problema con un po’ pazienza, ma efficacemente e senza conseguenze per la salute e per l’ambiente.

    Dolcetto o scherzetto?