Come si coltivano le Ninfee rustiche

da , il

    Avete un terrazzo abbastanza grande o un giardino? Allora potete realizzare un mini laghetto. Le Ninfee sono delle meravigliose piante acquatiche che solitamente si trovano negli stagni e nei laghetti, ma ne esistono delle specie che si adattano ad essere coltivate in vasche o tinozze. Le Ninfee rustiche, infatti, si adattano bene anche ai nostri climi. E’ fondamentale, però, che durante l’inverno il loro rizoma non sia a rischio di gelo. Le Ninfee rustiche fioriscono da aprile a settembre e hanno una particolarità: i fiori si aprono alle dieci del mattino e si chiudono alle cinque del pomeriggio.

    Per poter coltivare le Ninfee vi servirà una vasca o una tinozza che non deve essere verniciata perchè la vernice è dannosa per questo tipo di pianta. 
Il contenitore deve essere profondo almeno 60-70 cm e messo in una posizione soleggiata.


    Sul fondo del contenitore va messa della terra, poi, a circa 20 cm di profondità, si possono piantare i rizomi. Poi bisogna riempire di acqua tiepida. La Ninfea continua a crescere fino alla fine di settembre, poi va in riposo vegetativo.
 Ricordatevi che per la sopravvivenza delle Ninfee, l’acqua del fondo non deve mai gelare.

    Nella fotogallery potete ammirare delle immagini di Ninfee rustiche.

    Dolcetto o scherzetto?