Come sfiatare i termosifoni

Come sfiatare i termosifoni? Ecco alcuni preziosi e semplici consigli in merito.

da , il

    Come sfiatare i termosifoni? Con l’autunno e l’inverno, è arrivato anche il freddo e, con esso, anche il tempo di accendere i termosifoni che sono rimasti inutilizzati per molti dei mesi scorsi. La manutenzione dei caloriferi va effettuata regolarmente: è, infatti, di fondamentale importanza che essi funzionino correttamente per diversi motivi. Certamente, se gli impianti di riscaldamento sono funzionanti, ne beneficeranno anche le vostre tasche: la presenza di bolle di aria all’interno dei termosifoni riduce, infatti, le prestazioni, aumentando anche i consumi. Come fare, quindi? Ecco alcuni preziosi e semplici consigli per sfiatare i radiatori di casa con successo.

    Riconoscere i segnali

    La prima cosa da fare è riconoscere i segni, che stanno a significare il bisogno urgente dello sfiatamento dei termosifoni. Quali sono? Il calore concentrato nella parte inferiore del calorifero e la presenza del gorgoglio dell’acqua, in special modo in fase di accensione.

    Aprire le valvole di sfiato

    Una volta appurato ciò, come togliere l’aria? Aprite le valvole di sfiato, ruotando le manopole in senso antiorario – fino alla fine – per aprire i termosifoni.

    Spegnere la caldaia

    Se si tratta di un impianto autonomo, dovete spegnere la caldaia e, utilizzando la manopola a farfalla, fare aumentare la quantità di acqua in circolo per, poi, aprire lentamente le valvole di sfiato dei termosifoni per fare in modo che l’aria possa uscire.

    Riconoscere le valvole di sfiato

    Solitamente, le valvole di sfiato sono delle rondelline ma, se in casa avete dei termosifoni vecchi, potreste trovare delle viti da allentare al loro posto.

    SCOPRI COME PULIRE LA CALDAIA

    Utilizzare un recipiente

    Quando procedete con lo sfiatamento, posizionate un recipiente sotto le valvole di sfiato: questo servirà, infatti, a raccogliere l’acqua che uscirà dai caloriferi di casa. Inizialmente, uscirà soltanto dell’aria – questa è concentrata nella parte alta del radiatore, perché più leggera rispetto all’acqua – ma proseguite con la procedura, finché non otterrete un getto di acqua che sia costante.

    Ripetere l’operazione

    L’operazione di sfiatamento va effettuata in tutti i termosifoni di casa e, possibilmente, secondo un ordine ben preciso: dovrete, infatti, iniziare dal termosifone più lontano dalla caldaia, fino a raggiungere quello più vicino.

    Verificare la pressione

    Una volta fatto ciò, verificate la pressione dell’impianto di riscaldamento. Come? Guardate la posizione della freccia del manometro: questa dovrà essere posizionata tra l’1 e il 2. Se così non fosse, aprite il rubinetto di carico dell’acqua della caldaia e accendetela nuovamente, controllando se i termosifoni si scaldano normalmente; in alternativa, continuate con lo sfiatamento, in quanto potrebbero essere presenti altre bolle di aria.

    Consigli

    Infine, è opportuno effettuare lo sfiatamento dei caloriferi almeno una volta l’anno, preferibilmente prima dell’arrivo della stagione autunnale/invernale.

    CONSIGLI PER PULIRE IL CAMINO