Come rimuovere le crepe dai muri

Come rimuovere le crepe dai muri? Ecco alcuni semplici e preziosi consigli per affrontare al meglio il problema.

da , il

    Come rimuovere le crepe dai muri? Può capitare a tutti di trovare delle crepe nelle pareti di casa da riparare, ma risolvere e trovare delle soluzioni non è semplice come può sembrare: si tratta, infatti, di un lavoro delicato e una situazione da affrontare con cautela, in special modo se non si sa con esattezza la causa di tali crepe. Cosa fare, dunque? Ecco alcuni semplici e preziosi consigli per affrontare al meglio il problema delle crepe nei muri.

    Capire la causa

    Il primo passo da fare è quello di capire la causa scatenante delle crepe: queste, infatti, possono essere derivate da cedimenti strutturali – nei casi più gravi – oppure a causa della temperatura, dell’umidità o altro ancora. È, quindi, sempre opportuno chiedere il parere di un esperto chiamando, prima di tutto, i vigili del fuoco.

    Coprire le parti da non riparare

    Una volta determinata la causa delle crepe e aver capito che non si tratta di una situazione pericolosa, potete procedere con la riparazione. Come? Prima di tutto, coprite le parti di muro che non sono interessate dalla riparazione e mettete al sicuro mobili e complementi di arredo.

    Eliminare i pezzi cadenti

    Successivamente, eliminate i pezzi di intonaco cadenti e, utilizzando uno scalpello sottile, allargate le crepe in questione, passando all’interno esse, dall’alto verso il basso e viceversa: allargate ogni crepa di circa due centimetri per larghezza e un centimetro per profondità.

    Ricoprire i buchi

    Usando un pennello piccolo, pulite la zona da eventuali residui che sono rimasti all’interno delle crepa e inumidite le parti con dell’acqua. In seguito, impastate il cemento – una quantità che deve bastare – e ricoprite i buchi, spingendo il composto in profondità con una spatola.

    Applicare più strati

    Una volta fatto ciò, applicate più strati all’interno delle crepe. Come procedere? È bene farlo a distanza di pochi minuti, in modo tale da dare il tempo allo strato sottostante di solidificarsi.

    SCOPRI GLI ERRORI DA NON FARE PER DIPINGERE LE PARETI

    Essere precisi

    Di fondamentale importanza è essere precisi: bisogna, infatti, pareggiare il tutto con il resto del muro, livellando le parti in questione. Riparare le crepe è un lavoro di precisione: i bordi, infatti, è bene che siano sempre puliti e, per fare ciò, potete ricorrere a un raschietto per le sbavature.

    Procedere con l’intonaco

    Una volta finito, è la volta dell’intonaco, che deve essere impastato con acqua e inserito, inumidendo e livellando per evitare possibili dislivelli. Dopo aver terminato con tutte le crepe, fate riposare e asciugare per almeno un giorno.

    Passare una mano di stucco

    Dopo che l’intonaco si sarà asciugato, passate una mano di stucco e fate attenzione a non lasciare sbavature. Fate asciugare per un paio d’ore e utilizzate la carta vetrata per eliminare le imperfezioni.

    Tinteggiare

    Infine, non resta che tinteggiare le pareti con il colore più preferite. Ovviamente, questo tipo di lavoro fai da te va bene per le crepe superficiali: ricordiamo, ancora una volta, che è bene rivolgersi a specialisti per assicurarsi della natura delle crepe.

    CONSIGLI PER DIPINGERE LE PARETI