Come pulire le orecchie al cane

Come pulire le orecchie al cane? Ecco alcuni preziosi e semplici consigli per farlo con successo.

da , il

    Come pulire le orecchie al cane? L’igiene dei nostri compagni di vita a quattro zampe è molto importante: purtroppo, spesso, non si dà la giusta importanza alla cura degli animali e non c’è nulla di più sbagliato perché, in quanto parte integrante della famiglia, meritano amore, attenzioni e tutto ciò di cui hanno bisogno. Per evitare di incorrere in problemi legati alla salute, anche la cura delle orecchie è fondamentale e non va affatto trascurata, come si potrebbe – erroneamente – pensare: una scarsa igiene delle orecchie può, infatti, portare a irritazioni, infiammazioni di vario genere e persino otiti dolorose abbastanza diffuse. A essere maggiormente esposti sono, poi, i cani con le orecchie lunghe e pendenti – ma anche quelli con le orecchie dritte rischiano ugualmente – che accusano una scarsa areazione del condotto uditivo, favorendo il prolificare di infezioni e batteri. La pulizia delle orecchie è una procedura abbastanza semplice. In cosa consiste? Come fare? Ecco alcuni preziosi e semplici consigli per pulire le orecchie al cane con successo.

    Controllare le orecchie periodicamente

    La prima cosa da fare è quella di controllare le orecchie, ogni settimana: è, infatti, buona norma di igiene esaminarle attentamente, almeno una volta a settimana e, in special modo, per i cani che hanno le orecchie flosce o soffrono di allergie. È bene che anche il veterinario effettui dei controlli periodici alle orecchie. Inoltre, dovreste controllare le orecchie anche dopo ogni passeggiata per verificare l’eventuale presenza di corpi estranei raccolti per strada.

    CONSIGLI PER PULIRE I DENTI AL CANE

    Quando contattare il veterinario

    Se sono presenti lesioni, parassiti, graffi, ferite, croste, infezioni o oggetti esterni, evitate di procedere con la pulizia e contattate il veterinario per avere consigli in merito. In presenza di zecche, pulci o acari – spesso si nascondono proprio nelle parti circostanti alle orecchie e al loro interno – potrebbe verificarsi un intenso prurito e la produzione di secrezioni marroni e dense: anche in questi casi, quindi, sarà opportuna la diagnosi del veterinario, che saprà consigliarvi eventuali prodotti specifici di prevenzione. In presenza di infezioni – sia interne che esterne – le orecchie avranno un cattivo odore, causeranno prurito e produrranno una sostanza di colore marrone: il veterinario vi suggerirà l’utilizzo di farmaci specifici che eviteranno gravi complicazioni, dopo avere effettuato una diagnosi precisa.

    Cosa evitare

    Naturalmente, le orecchie sporche e ricoperte da cerume andranno pulite, ma non troppo approfonditamente per non danneggiare le orecchie. Evitate assolutamente l’utilizzo di cotton fioc per evitare di rompere il timpano o compattare il cerume, invece che eliminarlo. Poi, non utilizzate mai l’acqua per pulire le orecchie, in quanto potrebbe penetrare in profondità e provocare infezioni.

    Monitorare eventuali anomalie

    In presenza di anomalie, che potrebbero essere tumori, è bene far visitare il cane al veterinario e monitorare eventuali cambiamenti: prima agirete per combattere eventuali disturbi del genere, infatti, e meglio sarà per la guarigione del vostro compagno peloso. Solitamente, comunque, si tratta di escrescenze che sono semplicemente cisti cutanee, ma è bene esserne certi.

    Utilizzare un detergente specifico

    Per la pulizia vera e propria delle orecchie, la prima cosa da fare è quella di farsi spiegare dal proprio veterinario come procedere. Una volta fatto ciò, potrete acquistare alcuni dei detergenti specifici in vendita: solitamente, potrete trovarli presso le farmacie o i negozi per animali e andranno utilizzati soltanto nell’area esterna dei padiglioni auricolari.

    Come procedere con la pulizia

    Per pulire le orecchie, fatevi aiutare da qualcuno che possa calmare l’animale e tenere ferma la testa. Poi, potrete immergere un batuffolo di cotone o una garza nella soluzione – da strizzare in seguito, in modo da eliminare il liquido in eccesso – da tamponare, delicatamente, nella parte interna del padiglione auricolare, eliminando la sporcizia: ricordate, però – come anticipato prima – di non andare mai in profondità. Potrebbe essere necessaria un’irrigazione completa delle orecchie – ma è bene ascoltare il parere del veterinario, anche in questo caso – inserendo la punta del flacone del detergente nell’apertura del canale uditivo per fare uscire il liquido: fatto ciò, dovrete strofinare delicatamente e massaggiare la base dell’orecchio per circa un minuto, in modo tale che le gocce arrivino fino al timpano.

    Pulire le orecchie in modo naturale

    In alternativa, potete ricorrere a dei metodi naturali. Quali? Potrete effettuare il lavaggio ricorrendo a dei rimedi naturali, come olio di oliva o di mandorle. Anche in questo caso, però, è meglio che ascoltiate il parere del vostro veterinario.

    Premiare il cane

    Lasciate che il cane scrolli e scuota la testa alla fine del procedimento: è un istinto naturale, che permette al cane di liberare completamente le orecchie da ogni traccia di soluzione rimasta. Infine, non dimenticate di premiare la pazienza del vostro compagno peloso dopo ogni pulizia: così facendo, infatti, capirà che, collaborando, avrà un premietto per la sua bravura.

    SCOPRI COME PROTEGGERE I CANI DAL FREDDO