Come pulire la lavatrice: i consigli utili

La lavatrice è un prezioso elettrodomestico per avere una casa ordinata e pulita, è però necessario anche pulire la lavatrice se si vuole ottenere un bucato profumato. Una lavatrice che puzza è da evitare, bisogna quindi rimuovere il calcare, la muffa e i residui di detersivo, lavare il cestello della lavatrice e le guarnizioni, solo così è possibile evitare il cattivo odore della lavatrice. Scopriamo allora come effettuare una corretta pulizia della lavatrice.

da , il

    Come pulire la lavatrice: i consigli utili

    Come pulire la lavatrice? Seguendo alcuni consigli utili otterrete una lavatrice igienizzata e pulita. Se proprio lei – deputata alla pulizia di capi e indumenti, biancheria intima e casalinga – non è pulita a dovere, il rischio che il livello di igiene dell’intera casa coli a picco è alto. Nessuno poi desidera avere una lavatrice che puzza, per questo motivo la pulizia della lavatrice è molto importante: è necessario pensare alla muffa, al cestello della lavatrice, al calcare e alle guarnizioni della lavatrice, oltre che al cattivo odore della lavatrice in generale e a molti altri aspetti riguardanti l’igiene di questo elettrodomestico. Come pulire la lavatrice affinché sia perfettamente igienizzata? Si può farlo anche in modo naturale, utilizzando sale grosso, bicarbonato o aceto. Ecco quindi alcuni consigli e suggerimenti preziosi per garantire alla lavatrice il livello di pulizia che merita.

    Come igienizzare la lavatrice

    Lavatrice spugna

    Come igienizzare la lavatrice? La pulizia della lavatrice è necessaria per molti motivi, a cui spesso non si presta attenzione. Pulire la lavatrice è fondamentale per allungare la vita di questo prezioso elettrodomestico, che potrebbe usurarsi con la sporcizia, ma anche per la propria igiene personale e per ottenere sempre un bucato profumato e pulito.

    È, quindi, necessario eliminare, periodicamente, i residui di acqua, di detersivo, sporco, muffa e calcare, che tendono ad accumularsi su cestello, guarnizioni, filtri e, più in generale, in tutte le parti che compongono la lavatrice.

    Come fare, dunque? Vi presenteremo, per primi, i metodi classici: per pulire la lavatrice che puzza, si può optare, per esempio, per l’utilizzo di detersivi e detergenti specifici, anticalcare e igienizzanti, senza dimenticare che è possibile pulire la lavatrice con la candeggina, come vedremo più avanti.

    Per igienizzare e disinfettare la lavatrice, si può utilizzare anche dell’acqua ossigenata a 40 volumi: allo scopo, si può aggiungere 1 cucchiaio, pari a 25 grammi circa, nella vaschetta del detersivo per, poi, programmare un lavaggio a vuoto.

    Come ormai è risaputo, però, molti dei prodotti in vendita contengono sostanze chimiche che possono essere dannose per la salute e per l’ambiente che ci circonda.

    A tal proposito, è, dunque, consigliabile optare per delle soluzioni più naturali e altrettanto efficaci, nonché maggiormente economiche.

    Come pulire l’esterno della lavatrice

    Pulire esterno lavatrice limone

    Come pulire l’esterno della lavatrice? Per l’igiene e per la pulizia della lavatrice, perché non affidarsi ad un detersivo ecologico e fai da te? Per pulire la lavatrice, basta utilizzare:

    • Sapone di Marsiglia;
    • Aceto bianco;
    • 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio;
    • 1 bicchiere di acqua.

    Mescolate gli ingredienti per ottenere un composto perfetto da mettere in un dispenser spray, da agitare e spruzzare dove serve.

    Come pulire lo sportello

    Sportello lavatrice
    Foto di fotografos/Shutterstock.com

    Per pulire lo sportello della lavatrice, potete realizzare un composto con i seguenti ingredienti:

    • 1 cucchiaio di sapone di Marsiglia liquido;
    • 100 millilitri di aceto bianco;
    • 500 millilitri di acqua;
    • 4 gocce di olio essenziale di limone;
    • 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio.

    Versate tutto in un contenitore spray da agitare prima dell’uso e da spruzzare sulle superfici dell’elettrodomestico in questione, passando una spugnetta umida per concludere. IN pochi passaggi avrete completato, per quanto riguarda la parte esterna, la pulizia della lavatrice.

    Come pulire l’oblò

    Oblò lavatrice
    Foto di Nerksi/Shutterstock.com

    Come pulire l’oblò? Per pulire l’oblò della lavatrice, potete utilizzare una miscela di aceto e acqua calda. Il consiglio è di asciugare, poi, attentamente il tutto con un panno in microfibra.

    In alternativa, potete usare dell’acqua tiepida e del sapone di Marsiglia per, poi, risciacquare e asciugare con un panno di cotone o microfibra.

    Per pulire l’oblò, potreste anche ricorrere ad una pasta al bicarbonato da passare, direttamente, con uno spazzolino da denti: per realizzare la pasta, vi basterà aggiungere qualche goccia di acqua a mezzo bicchiere di bicarbonato, mescolando fino ad ottenere il composto desiderato.

    Come pulire il display

    Display lavatrice
    Foto di sfam_photo/Shutterstock.com

    Questa parte viene spesso dimenticata quando si pensa alla pulizia della lavatrice, eppure anche qui si accumulano germi e polvere. Come pulire il display della lavatrice? Il display elettronico può rovinarsi facilmente, soprattutto quando a contatto con l’acqua e con i detersivi, è bene quindi prestare particolare attenzione e igienizzarlo spesso.

    Dal momento che in questa parte della lavatrice si accumula soprattutto polvere, il consiglio è quello di passare un panno asciutto di cotone o di microfibra per pulirlo, facilmente e con successo.

    In alternativa, potreste provare ad intervenire con l’aspirapolvere, applicando un beccuccio sottile per la pulizia nelle zone difficili da raggiungere.

    Come pulire l’interno della lavatrice

    Pulire interno lavatrice bicarbonato

    Come pulire l’interno della lavatrice, in modo naturale? Aceto e bicarbonato di sodio possono rappresentare la soluzione migliore: questi due ingredienti insieme, infatti – uniti magari a qualche goccia di un olio essenziale della fragranza che maggiormente preferite – sono perfetti per profumare e igienizzare l’interno della lavatrice e anche i capi di abbigliamento da lavare.

    Come pulire il cestello della lavatrice

    Pulire cestello lavatrice aceto

    L’alleato migliore per pulire il cestello della lavatrice e garantire igiene e pulizia, è l’aceto, il quale va aggiunto all’interno della vaschetta del detersivo durante i lavaggi o direttamente nel cestello, soprattutto quando non si lavano capi particolarmente delicati: l’aceto, infatti, combatte con successo la presenza di germi e batteri, eliminando anche eventuali residui di detersivo.

    Per poter avere un cestello perfettamente pulito, potete riempire il cestello della lavatrice con acqua calda e aceto di vino bianco: fate andare la lavatrice per qualche minuto, lasciatela in pausa per circa 40 minuti e riavviate, nuovamente, il programma.

    In alternativa, potete versare 1 bicchiere di aceto di vino bianco nello scompartimento del detersivo: avviate un ciclo di lavaggio per alcuni minuti e mettete in pausa per un’ora circa per, poi, riavviare il programma impostato fino alla sua fine.

    Anche del detersivo ecologico per i panni da versare nel contenitore dedicato all’ammorbidente, con un misurino di acqua e dell’acido citrico, può andare bene.

    Per mantenere il cestello pulito, potreste anche effettuare un lavaggio mensile con acqua e del sale grosso.

    Come pulire la vaschetta

    Vaschetta lavatrice pulire
    Foto di Iakov Filimonov/Shutterstock.com

    Non bisogna dimenticare di pulire la vaschetta della lavatrice, nella quale versate i detersivi. Potete igienizzarla utilizzando dell’aceto e una spugnetta, così da strofinare ed eliminare ogni residuo di detersivo e eventuali incrostazioni. In alternativa, potreste aggiungere all’aceto del bicarbonato di sodio.

    Una volta fatto ciò, non dimenticate di risciacquare la vaschetta e asciugarla attentamente, in modo tale da evitare la formazione di muffa.

    Come pulire il filtro

    Pulire filtro spazzolino

    Il filtro della lavatrice va pulito con estrema attenzione, perché è proprio qui che finiscono per incastrarsi tutte le impurità: che, ovviamente, potrebbero intasarlo e comprometterne il funzionamento. Come pulire il filtro della lavatrice?

    I filtri di carico e scarico sono dei filtri a rete che dovrebbero essere controllati e puliti, periodicamente: i filtri di carico sono posizionati nel punto in cui i tubi entrano nella lavatrice; mentre, quelli di scarico sono posizionati sulla parte anteriore e sono protetti da uno sportellino.

    Come procedere? Naturalmente, l’operazione di smontaggio dovrà essere fatta a lavatrice a riposo e dopo aver chiuso i rubinetti dell’acqua.

    Una volta fatto ciò, sciacquate i filtri sotto l’acqua corrente, se possibile, aiutandovi con uno spazzolino da denti per eliminare eventuali incrostazioni e residui.

    Per pulire il filtro della lavatrice in modo naturale, è ottimo l’acido citrico: basterà aggiungere 150 grammi di acido citrico a 850 grammi di acqua, e lasciare in ammollo il filtro della lavatrice fino a che non risulta perfettamente sgrassato e privo di incrostazioni.

    Ogni quanto pulire il filtro

    Per garantire ottimi livelli di igiene e pulizia, bisognerebbe pulire il filtro della lavatrice una volta al mese ma, se ciò non potesse essere possibile, almeno una volta l’anno.

    Come pulire le guarnizioni della lavatrice

    Le guarnizioni della lavatrice sono una delle parti più fastidiose da pulire, ma è necessario igienizzare anche questa, se non volete trovarvi a doverla sostituire in futuro. Bisogna, quindi, prendersi cura anche delle gomme che compongono, ad esempio, la chiusura del cestello, delle vaschette e del cestello stesso.

    Pulire queste guarnizioni è abbastanza semplice: utilizzate uno spazzolino e dell’acqua tiepida, a cui aggiungere 2 cucchiai di bicarbonato di sodio.

    In alternativa, potete sciogliere un po’ di detersivo in acqua calda, utilizzando una spugna o un panno in microfibra, passando il composto su tutte le parti interessate.

    Come togliere il calcare

    Quando si cerca di pulire la lavatrice a fondo il vero problema consiste nel togliere il calcare. Le vaschette e tutte le parti removibili della lavatrice meritano una dose di attenzione, pulizia e igiene extra: qui possono, infatti, accumularsi, oltre che calcare, sporco, germi e batteri.

    In particolare, il consiglio è di lavarle a parte, lasciandole in ammollo, per esempio, in una bacinella con acqua calda, aceto e bicarbonato per qualche ora per, poi, eliminare ogni residuo di calcare con una spugnetta e un panno asciutto.

    Com’è ovvio, il calcare è uno dei principali nemici di questo elettrodomestico e va combattuto per poter allungare la durata e l’efficienza della lavatrice nel tempo. Per cercare di rimuovere il calcare in modo naturale, potete ricorrere all’aceto: inseritelo nella vaschetta dell’ammorbidente e, poi, anche nel cestello, aggiungendo 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio; una volta fatto ciò, date il via a un lavaggio a vuoto a 60 gradi.

    In alternativa, potete utilizzare anche l’acido citrico da versare nella quantità di 150 grammi e a cui aggiungere circa 1 litro di acqua.

    Come eliminare il cattivo odore

    Cattivo odore oli essenziali

    Eliminare i cattivi odori dalla lavatrice che puzza è possibile, utilizzando degli ingredienti del tutto naturali. Almeno una volta al mese sarebbe opportuno effettuare un ciclo di lavaggio a vuoto, selezionando un programma igienizzante abbastanza lungo e ad alta temperatura – superiore ai 60 gradi – versando nel cestello 2 bicchieri di aceto bianco diluiti con un po’ di acqua. Al tutto, potreste, inoltre, aggiungere 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio per potenziare l’effetto sgrassante, soprattutto nel caso vogliate togliere l’odore di muffa.

    Come altro eliminare gli odori sgradevoli? Per profumare la lavatrice, non dimenticate che potete ricorrere a qualche goccia di olio essenziale di lavanda, così da completare i lavori di pulizia.

    In alternativa, potreste mescolare il succo di un limone all’acqua e, con l’aiuto di uno spruzzino, dedicarvi alla pulizia della lavatrice.

    Come togliere l’odore di muffa

    Odore di muffa sapone di Marsiglia

    Come togliere l’odore di muffa? Dopo ogni operazione di pulizia, è fondamentale asciugare tutto bene, per evitare l’insorgere della muffa e il cattivo odore nella lavatrice.

    Allo stesso scopo, ricordate sempre che, dopo aver usato la lavatrice, è fondamentale lasciare lo sportello aperto per poter fare evaporare ogni singola gocciolina d’acqua rimasta.

    Se la muffa dovesse essere già presente, cospargete con del bicarbonato di sodio o percarbonato di sodio le parti da pulire, inumidendole con acqua calda e lasciando agire almeno per un’ora per, poi, rimuovere il tutto con uno spazzolino.

    Anche il sapone di Marsiglia, l’aceto bianco, il sale grosso e il detersivo per i piatti, meglio se ecologico, sono ottimi per questo tipo di pulizia.

    Come pulire la lavatrice con carica dall’alto

    Se la vostra lavatrice ha la carica dall’alto, avviate un ciclo di lavaggio ad alta temperatura, interrompete quando l’acqua avrà riempito il cestello, a questo punto aggiungete 1 litro di candeggina e avviate il ciclo di lavaggio. Una volta fatto ciò, interrompete nuovamente e lasciate che la candeggina agisca per un’ora circa, poi fate ripartire il programma e lasciate che termini normalmente.

    A questo punto, la vostra lavatrice sarà disinfettata ma puzzando, probabilmente, di candeggina, proseguite riempendo nuovamente il cestello di acqua bollente con 1 litro di aceto e ripetete il procedimento spiegato. Una volta effettuati tutti questi passaggi la pulizia della lavatrice sarà finalmente completata e avrete un bucato profumato e una lavatrice igienizzata.