Come posizionare i quadri: idee e consigli per non sbagliare [FOTO]

I suggerimenti giusti per appendere i quadri nel modo corretto

da , il

    Avete appena traslocato e non sapete come posizionare i quadri? Oggi vi daremo delle idee e consigli per non sbagliare, perchè la disposizione di dipinti, foto, specchi e fotografie non è sempre facile, soprattutto perchè si devono fondere armoniosamente sia con l’ambiente che anche fra di loro. Per arredare con i quadri sarà quindi importante pensare ad una composizione ipotizzando già mentalmente il risultato finale per valutarne l’armoniosità.

    Le composizioni

    La composizioni di quadri sono le più difficili da realizzare, soprattutto se sono di generi e dimensioni diverse. Se sono della stessa serie si possono seguire delle semplici regole geometriche facendo attenzione di compiere i calcoli giusti e di aiutarsi con squadre ortogonali e bolle per metterli in squadra correttamente.

    Se sono quadri diversi va evitato l’effetto caos e in questo caso vanno organizzati cercando di seguire un’armonia e un equilibrio della composizione disponendoli prima sul pavimento per poterli spostare cercando la sequenza corretta e vedere l’effetto finale.

    COME SCEGLIERE I QUADRI PER LA CAMERA DA LETTO

    Le disposizioni in linea

    I quadri possono essere disposti seguendo un allineamento orizzontale o verticale seguendo delle linee immaginarie da tenere come linee guida. I quadri possono essere tenuti centrati rispetto alla linea oppure al di sotto o sopra quando si utilizza l’allineamento orizzontale, oppure se posizionati verticalmente possono enfatizzare una porzione di parete vuota ricordando di elevarsi in altezza partendo dai quadri più grandi a quelli di dimensioni più piccole.

    Regola della c.d. linea mediana

    Volete sapere come fanno i galleristi a sapere qual è l’altezza giusta per esporre le opere d’arte? Utilizzano la regola della c.d. linea mediana che consiste nel tenere un punto di riferimento basandosi sull’altezza della stanza. In pratica si considera una linea orizzontale immaginaria all’altezza di 5/8 rispetto all’altezza dal pavimento al soffitto e si collocano i quadri in modo che essi siano per i 3/8 della loro altezza sopra e per i 5/8 della loro altezza sotto tale linea.

    Ma per semplificare le cose noi vi consigliamo di prendere come punto di riferimento la vostra linea degli occhi, ossia considerare l’altezza di 150/170 centimetri di altezza dal pavimento come centro dei quadri che dovrete appendere.

    GUARDA COME FARE 10 QUADRI FAI DA TE PER ARREDARE LA CASA IN MODO ORIGINALE

    Scegliere l’illuminazione giusta

    Se fra i quadri in vostro possesso ne esistono alcuni pregiati che varrebbe la pena enfatizzare, la loro collocazione andrebbe decisa durante la ristrutturazione per fare in modo che si possano prevedere dei punti luce atti alla loro illuminazione. In commercio esistono delle lampade lineari destinate all’illuminazione delle opere d’arte che proiettano un fascio luminoso ben distribuito che hanno l’obiettivo di enfatizzarle e renderle ancora più belle da guardare.

    Un esempio dedicato alle case in stile classico è il modello 52511 di Tisserant, una lampada da parete per quadri in metallo laccato color oro.

    Attenzione invece alla luce solare diretta, perchè potrebbe rovinare i quadri e le fotografie.

    Arredare con i quadri