Come curare le petunie, consigli per avere una pianta ricca di fiori sani

da , il

    fiori di petunia

    Avete deciso di ‘adottare’ una pianta di fiori di petunia? Sappiate che hanno bisogno di alcune particolari cure e di tutte le vostre attenzioni, affinché crescano sempre sane e rigogliose. Come tutte le altre piante, anche le petunie vanno seguite con cura: ci sono fiori che hanno bisogno di maggiori attenzioni, altre che invece richiedono una ‘manutenzione‘ decisamente meno importante. Ma comunque ogni pianta ha le sue caratteristiche che noi dobbiamo non solo conoscere, ma anche rispettare. Per avere un balcone, un giardino o una casa in fiore, bella e profumata!

    In commercio esistono moltissimi tipi di petunia, un fiore davvero molto bello, che si può pensare di coltivare sia in vaso sia in fioriera: in tutto abbiamo una quarantina di specie, che possono essere annuali o perenni. Questa pianta, che arriva dall’America del Sud, è molto presente nel nostro paese, dove ha trovato le condizioni necessarie per vivere bene.

    Le piante possono raggiungere un’altezza di 60 centimetri, con un minimo di 25. La fioritura avviene a metà primavera e continua fino ad autunno inoltrato. Di solito, se la pianta è sana, la fioritura è davvero molto abbondante. L’importante è che il terreno sia ricco di materia organica e molto profondo. Necessita anche di un po’ di sabbia, per aumentare il grado di drenaggio del terreno stesso. Per quanto riguarda la semina, invece, va fatta a febbraio-marzo.

    Ma vediamo come prenderci cura delle petunie ogni giorno. Le piante di petunie hanno bisogno di molta acqua: ricordiamoci di dare loro da bere con regolarità, ogni due giorni, dando acqua con maggiore frequenza quando le temperature sono calde. Evitate l’acqua stagnante. Per crescere bene, poi, hanno bisogno di tanta luce e di una zona all’aperto lontana dal vento. Occhio poi al ragnetto rosso, che può causare molti danni!

    Dolcetto o scherzetto?