Come curare il prato: una guida utile

da , il

    come curare giardino

    Se il prato è lo specchio della casa, allora deve essere assolutamente curato! Non lasciatevi ingannare, curare il praticello di casa alla perfezione non è certo facile, ma con qualche accorgimento e la nostra guida utile vedrete che sarà uno scherzo da ragazzi.

    1. Taglio del prato

    In generale la tendenza è quella di tagliare il prato quasi raso-terra. In estate sarebbe meglio lasciare l’erba un po’ più alta, per far sì che resista meglio ai periodi di siccità. Per quanto riguarda la tecnica, vi consiglio di tagliare l’erba poco e spesso e, a ogni taglio, cercate di cambiare schema e direzione, altrimenti lo stelo verrà spinto sempre nella stessa direzione.

    tosare prato

    2. Fertilizzazione

    I fertilizzanti chimici sono altamente nocivi sia all’uomo sia all’ambiente, perciò assolutamente vietato utilizzarli. In alternativa, usate del pacciame che aiuterà il prato a trattenere l’acqua più a lungo e ad allontanare le erbacce. Una buona strategia sarebbe quella di non rimuovere completamente l’erba tagliata e lasciare qualche residuo a decomporsi proprio sul vostro prato. In questo modo potrete lasciar giocare i bambini in giardino senza preoccupazioni.

    SCOPRI COME FARE UN PRATO VERDE

    3. Concimazione

    Quando tagliamo l’erba sottraiamo nutrimento prezioso al prato, nutrimento che andrà restituito se vogliamo permettergli di crescere nuovamente. Perciò sarebbe consigliabile concimare il prato ogni quattro, massimo cinque settimane con le seguenti sostanze: azoto, potassio e fosforo.

    SCOPRI COME CREARE UNO SPAZIO VERDE

    4. Progettazione

    Se pensate di seminare il prato, allora dovete tenere conto dell’ambiente circostante, quali vento, acqua e le zone in ombra. La progettazione dovrà quindi garantire il drenaggio dell’acqua per far sì che questa torni alle falde acquifere attraverso il suolo.

    5. Erbacce sotto controllo

    Con tenacia e una tecnica correte potrete sconfiggere le erbacce del prato in modo efficace. Per farlo potete usare strumenti meccanici, ma quelle più piccole possono essere rimosse con uno scarificatore manuale. Le margherite e i denti di leone possono essere invece rimossi con un sarchiatore per radici: è infatti molto importante estirpare quanta più radice possibile per impedire la ricrescita della pianta. Se, nonostante tutto, le erbacce avranno comunque invaso il prato, sarà opportuno considerare l’utilizzo di diserbanti. Qualora la situazione non dovesse ancora risolversi, la migliore soluzione sarà allora di ristrutturare l’intero terreno e coprirlo con del prato a rotoli.