Come creare un portariviste fai da te [FOTO]

da , il

    Come creare un portariviste fai da te o, in alternativa, reinventarne uno ormai vecchio e datato, rendendolo moderno e più in linea con l’arredamento della casa. Perché armandosi di un po’ di buona volontà, manualità e creatività, si possono realizzare splendidi oggetti d’arredamento, portariviste compresi. Ecco come.

    Un po’ di riciclo creativo

    A colpi di riciclo creativo, condito con tanta fantasia e una buona dose di manualità, si possono realizzare splendidi portariviste fai da te. Ogni materiale può diventare quello giusto, ogni vecchio oggetto o complemento d’arredo può diventare il protagonista di questo progetto. Dai vecchi pallet, scartavetrati e dipinti a dovere, per essere poi appesi o appoggiati al muro. Alle cassette della frutta in legno che, con una mano di colore e qualche decorazione, si trasformano in splendidi cestini porta giornali. Fino alle grucce in ferro, che modellate a piacere e, magari, decorate con un po’ di estro, danno vita a originali portariviste da appendere.

    Un progetto semplice semplice: una cornice che, con un po’ di fil di ferro posizionato ad hoc, si trasforma in un portariviste scenografico e funzionale, che può essere appeso al muro o semplicemente appoggiato diventando un vero e proprio oggetto d’arredamento. Basta prendere il telaio di una cornice piuttosto grande, privata di altri componenti, e aggiungere, fissandoli sul retro con dei chiodini o utilizzando la sparapunti, i fili di ferro da un lato all’altro. È proprio su questi fili di ferro, tesi in mezzo alla cornice, che verranno stesi giornali e riviste.

    Portariviste decorato con il decoupage

    In alternativa, per non creare un portariviste ex novo, se ne può decorare e reinventare uno datato. Come? Sfruttando la tecnica del decoupage. L’occorrente: un portariviste di cartone pressato, carta di riso, carta decoupage stampata con soggetti a piacere, una squadra, una matita morbida, colla vinilica, forbici da manicure (per avere maggiore precisione nei dettagli), panno carta, pennelli piatti piccoli e medi e della vernice sintetica in gel per proteggere il lavoro finito.

    La base, per dare colore al portariviste, va realizzata con la carta di riso, applicandola, con l’aiuto della colla vinilica diluita con l’acqua, su tutta la superficie. Asciugata la base non resta che applicare i soggetti scelti per la decorazione, precedentemente ritagliati a dovere, sempre con l’aiuto della colla vinilica diluita. L’ultimo tocco è la stesura di uno strato di vernice sintetica in gel sia all’esterno che all’interno del portariviste, in modo da proteggere l’intero lavoro in decoupage.