Come conservare i cibi d’estate, utili consigli per non buttare via niente

da , il

    cibi nel frigorifero

    Come conservare correttamente i cibi nel nostro frigorifero durante l’estate? Quali accorgimenti seguire per evitare di buttare tutto via, causando un danno ingente al portafoglio della famiglia (oltre che all’ambiente, visto l’ammasso di rifiuti che causeremmo)? Come sempre veniamo in vostro soccorso, proponendovi quegli utili consigli che le nonne non si stancavano mai di dirci e che troppo spesso ci dimentichiamo di applicare. Piccole regole di comportamento per poter conservare nel frigorifero e nel freezer, ma anche in dispensa, ogni cibo senza sprecare nulla, evitando che si deteriori o che vada a male!

    Partiamo con il consiglio base: evitate di fare una spesa a settimana. Lo sappiamo che il tempo è sempre poco, ma si rischia di comprare troppo e i cibi freschi non hanno una scadenza tanto lunga. Complice qualche cena e aperitivo fuori in più, rischiamo di trovarci tutta roba scaduta nel frigorifero, che dovrà sempre essere perfettamente in ordine: ricordatevi sempre quando comprare nuovi prodotti, di metterli dietro a quelli vecchi, così consumerete sempre quelli che scadono per primi.

    Lo sapevate, poi, che ogni alimento deve avere il suo posto in frigorifero? Ad esempio i cibi di origine animale devono stare a 0 gradi, mentre la frutta e la verdura vanno conservate intorno ai due gradi. I latticini hanno bisogno di una temperatura di 4 gradi, così come le uova, che vanno sempre conservate nella loro scatola, perché potrebbero essere sporche e contaminare altri cibi. Evitate anche di mettere a contatto cibi cotti con cibi freschi: tutti i contenitori devono essere ben chiusi!

    Quanto possono stare in frigo i cibi? Il pesce, lavato, deve essere consumato entro 24 ore, così come la carne macinata, mentre quella di pollo può rimanere anche 48 ore. La carne di manzo e gli affettati non confezionati devono essere consumati entro tre giorni. Frutta e verdura vanno mangiate il prima possibile, mentre panna e latte entro 2-3 giorni dall’apertura. Le uova, infine, entro 30 giorni da quando sono state deposte dalle galline!

    Ricordatevi sempre di chiudere il frigorifero (che non deve essere mantenuto a temperature troppo eccessive), meglio poi aprirlo una volta e tirare fuori tutto il necessario, piuttosto che aprire e chiudere la porta. E nel freezer ricordatevi che i cibi non sono eterni, anche da congelati (a meno diciotto gradi) hanno la loro data di scadenza… E scongelateli alla perfezione: meglio cuocerli da ancora surgelati, per evitare l’insorgenza di batteri.

    Per ottenere poi il massimo, anche in termini di risparmio energetico e rispetto dell’ambiente, ricordatevi di acquistare modelli di frigorifero di ultima generazione, facendo magari un investimento e cambiando il vecchio rottame che avete in cucina! :)

    Foto di Hop-Frog.