Come coltivare la melissa in casa

da , il

    Come coltivare la melissa in casa

    Come coltivare la melissa in casa? Il nome scientifico della melissa è Melissa Officinalis: si tratta di una pianta erbacea perenne, particolarmente diffusa in orti e giardini. A cosa serve questa pianta? La melissa vanta numerose proprietà benefiche per la salute dell’organismo: questa pianta rappresenta, infatti, un’erba aromatica e un eccellente rimedio naturale, grazie alle sue foglie che – sia fresche che essiccate – possono essere utilizzate anche per la preparazione di tisane rilassanti, in grado di agevolare il sonno, la digestione e la diminuzione dello stress. Perché, quindi, non averla sempre a propria disposizione? La coltivazione della melissa può avvenire sia in vaso in balcone che in piena terra in giardino. Come procedere, quindi? Ecco alcune idee interessanti e utili consigli sulla coltivazione della melissa in casa.

    La semina della melissa

    Melissa semina

    La melissa è una pianta spontanea particolarmente resistente e amata anche dalle api. La semina della melissa dovrà avvenire in primavera: potrete, infatti, procedere nei mesi che vanno da marzo e aprile in poi. Come seminare questa pianta? Interrate i semi di melissa a pochi millimetri dalla superficie e ricopriteli, successivamente, con del terriccio. Una volta fatto ciò, non dimenticate di innaffiare subito e, regolarmente, fino allo spuntare dei primi germogli: grazie alle temperature miti, i semi di melissa dovrebbero germogliare in circa due o tre settimane. Se la semina avverrà in giardino o nell’orto, potreste realizzare dei filari a 20-30 centimetri di distanza gli uni dagli altri; mentre, per quanto riguarda la coltivazione in vaso, potrete seminare la melissa a spaglio.

    La coltivazione in vaso e la posizione della pianta

    Vasi

    La coltivazione in vaso della melissa dovrà avvenire all’interno di vasi tondi o rettangolari, che siano abbastanza grandi e che andranno riempiti con del terriccio fresco e leggero. Questo tipo di pianta, inoltre, dovrà essere coltivata all’ombra, per cui optate per una posizione adatta sia in balcone che, eventualmente, in giardino: una parte ombreggiata sarà, dunque, preferibile per posizionare la melissa.

    La coltivazione in orto e in giardino

    Melissa giardino

    Per quanto riguarda la coltivazione in orto e in giardino, valgono le stesse regole di quella in vaso. La melissa è una pianta rustica, per cui si adatta a qualunque tipo di terreno e non presenta problemi di sviluppo e di crescita. Utilizzate del terriccio fresco e leggero e preparate un’aiuola che ne contenga l’espansione. Anche in questo caso, scegliete una zona in penombra per la coltivazione della melissa.

    L’innaffiatura della melissa

    Innaffiatura

    Quando innaffiare la melissa? L’innaffiatura – che va eseguita correttamente - dovrà avvenire due volte al giorno, durante le giornate più calde e, preferibilmente, la mattina presto e la sera. Generalmente, invece, basterà un’annaffiatura al giorno, meglio se di sera: in questo modo, infatti, eviterete che l’acqua evapori troppo in fretta a causa del sole. Ricordate di non bagnare le foglie della melissa, ma direttamente il terriccio ed evitate, assolutamente, che si formino ristagni idrici – controllate i sottovasi ed, eventualmente, svuotateli – in modo tale da non permettere che le radici marciscano e che le foglie si secchino.

    Quando trapiantare la pianta

    Vasi terracotta

    Come e quando trapiantare la melissa? Questa pianta si sviluppa molto rapidamente, per cui presto potreste avere nuove piantine: per questa ragione, potrete procedere con il trapianto in primavera, trasferendo le piantine in piccoli vasi, magari da regalare.

    Quando raccogliere la melissa

    Melissa infuso

    Infine, quando raccogliere la melissa? La melissa sarà particolarmente rigogliosa in primavera e in estate. La raccolta delle foglie di melissa avviene durante l’estate, ovvero prima della fioritura: potrete utilizzarle sia fresche – per un utilizzo immediato – che essiccate – lasciandole in luogo asciutto e ventilato – per preparare delle ottime tisane, ma le erbe aromatiche hanno anche molti altri usi.