Come coltivare la cannella in casa

da , il

    Come coltivare la cannella in casa

    Come coltivare la cannella in casa? La coltivazione fai da te dà moltissime soddisfazioni e permette, inoltre, di godere di prodotti biologici direttamente disponibili a casa propria, ogni volta che se ne ha voglia. La cannella proviene dalla corteccia dell’omonimo albero sempreverde, che appartiene alla famiglia delle Lauracee ed è originario dello Sri Lanka: questa pianta vanta fiori bianchi molto belli e produce dei frutti, ovvero delle piccole bacche. La cannella offre moltissimi benefici per la salute: questa spezia vanta, infatti, moltissime proprietà benefiche ed è, anche per questa ragione, particolarmente amata e diffusa in Europa e in Asia. Come fare, quindi, per averla in casa? Ecco alcuni utili consigli sulla coltivazione della cannella in casa, che sia in vaso in balcone o in piena terra in giardino.

    Come coltivare la cannella: il clima, la semina e l’irrigazione

    La cannella è molto utilizzata in cucina per insaporire numerosi piatti. Come fare, dunque, per averla sempre a disposizione? Si tratta di un lavoro più semplice di quanto si pensi: è, infatti, una pianta che non necessita di particolari cure e attenzioni per crescere. Il clima adatto alla cannella è di tipo caldo e umido e questa pianta può essere coltivata partendo dai suoi semi, che possono essere acquistati presso il vostro vivaio di fiducia. Per quanto riguarda la semina, non dovrete far altro che inserire i semi all’interno di un contenitore pieno di terriccio, che andrà riposto in un luogo ombreggiato: la cannella non ha, infatti, bisogno di luce solare diretta e può crescere benissimo in un luogo, per l’appunto, ombreggiato. L’irrigazione, invece, dovrà essere equilibrata: occorrerà evitare i ristagni di acqua e annaffiare solo quando necessario. Ad ogni modo, il vostro vivaio di fiducia saprà darvi tutti i consigli del caso.

    SCOPRI GLI USI ALTERNATIVI DELLE SPEZIE

    Come coltivare la cannella: il rinvaso o la messa a dimora e il raccolto

    Dopo circa 4 mesi, dovrà essere effettuato il rinvaso o la messa a dimora della pianta di cannella: ovviamente, più grande sarà il vaso o lo spazio disponibile nel terreno e più grande sarà l’albero di cannella. Il raccolto potrà avvenire in qualunque momento: il primo raccolto, generalmente, potrà essere effettuato dopo circa 2-3 anni dalla semina. Ricordate, infine, che la cannella andrà raccolta dalla parte intermedia dell’albero: questa parte sarà, infatti, di migliore qualità, in quanto la qualità si abbassa notevolmente quando ci si avvicina alla base della pianta.