Come coltivare l’orto in casa

da , il

    Coltivare orto

    Avete mai provato a coltivare l’orto in casa, piantando voi i semi e gestendone a regola d’arte la crescita? Alcuni studi hanno dimostrato come possiamo recuperare un po’ di benessere dalla frenesia settimanale, passando un po’ di ore nel verde, come ad esempio nell’orto di casa. Sembrerebbe che tenere un orto aumenti anche l’autostima e favorisca la riduzione dello stress, grazie a quella che viene chiamata la terapia del verde, meglio conosciuta come Green Therapy. Vediamo insieme adesso qualche consiglio utile per creare il vostro orto e iniziare a coltivare i primi prodotti.

    Come fare un orto su misura

    Se avete un giardino abbastanza grande per ritagliare un po’ di spazio, potrete creare un bel orto su misura per le vostre esigenze, in modo da piantare ortaggi e piante adatte ai gusti vostri e della vostra famiglia. Vi basterà trovare un posto ben soleggiato ma riparato dal vento e dal gelo dei mesi più freddi. Se avete cani o gatti, vi conviene recintare questo spazio con dei paletti e una rete metallica. Basteranno una quarantina di metri quadri per un uso famigliare.

    Coltivare le fragoline di bosco

    Le fragoline di bosco esistono in grandi quantità in stato selvatico ma è possibile coltivarle nell’orto di casa nostra. Ci sono diverse varietà esistenti come ad esempio le Reine des Vallées e le Blanche de bois. Veniamo alla coltivazione. Posizionate la pianta in un posto poco assolato. Piantate le piccole piante lasciando un metro tra un filare e l’altro di fragole e circa 40 centimetri tra una pianta e l’altra. Ricordate che il colletto delle piante deve affiorare dal terreno. Annaffiate regolarmente. Se volete mettere le fragoline in un vaso usate un mix di terra composto da torba e piccoli pezzi di corteccia decomposta). Ogni mese date concime completo del tipo 8/5/15. Il vaso deve essere posizionato a mezz’ombra e deve essere annaffiato goccia a goccia.

    Coltivare i pomodori

    Cosa c’è di meglio di un po’ di pomodori nel proprio orto? Questa pianta predilige i terreni nutrienti e ricchi, con un drenaggio efficace. Teme la siccità e il clima troppo freddo, quindi conviene garantirgli un clima abbastanza mite. Il terreno deve prima essere vangato di una quarantina di centimetri, poi fertilizzato per tutto l’autunno precedente alla semina In primavera potremo piantare i semi e dopo i primi mesi dovremo estirpare le piantine più esili, lasciando spazio a quelle più forti. Importante innaffiare regolarmente, anche tutti i giorni, al mattino o alla sera quando il sole è già basso. Non dimenticatevi infine i sostegni per farle crescere verticalmente.

    Ed ecco fatto! Il nostro orto è già inizializzato. Ecco qualche altra idea per il tuo orto:

    L’orto fai da te aumenta l’autostima

    Una miniserra per il tuo balcone