Come coltivare i girasoli: una guida utile

da , il

    Girasole

    Come coltivare i girasoli – Siete in cerca di una guida utile per la coltivazione di meravigliosi ed estivi girasoli per la vostra casa, il vostro balcone o il vostro giardino? Il girasole comune – il cui nome scientifico è Helianthus Annuus – è una pianta che appartiene alla famiglia delle Asteraceae, che produce dei fiori colorati ed allegri, simbolo dell’Estate. Amate il loro colore, il loro profumo e la loro forma? Vi piacerebbe avere più informazioni su questi meravigliosi fiori? Ecco alcuni preziosi e semplici consigli per la coltivazione dei girasoli.

    Come coltivare i girasoli: coltivazione in vaso

    Come curare e coltivare dei girasoli in vaso? Potete partire acquistando i semi di girasole che sono facilmente reperibili presso i punti vendita per il giardinaggio ed i negozi di prodotti biologici. Quali? Dovrete scegliere le varietà adatte ad essere coltivate in vaso e, cioè, quelle ornamentali, piantando i semi anche subito in modo tale che fioriscano per i mesi di agosto e settembre. Che tipo di vaso comprare? Basterà un vaso del diametro di circa 20 centimetri da preparare per la semina: ricopritelo con delle palline di argilla espansa e completate il tutto con del terriccio, fino ad arrivare a circa 3 centimetri dal bordo. Quando seminare? Il periodo adatto per piantare è la Primavera, ma anche l’inizio dell’Estate va benissimo. I semi andranno riposti a circa 4 centimetri di profondità al centro del vaso, la cui superficie andrà poi livellata con del terriccio da inumidire con uno spruzzino: bisognerà, infatti, annaffiare quanto basta – almeno due volte al giorno ogni due giorni – evitando i ristagni d’acqua. Basterà una settimana circa per iniziare a vedere spuntare i primi germogli.

    SCOPRI COME COLTIVARE LA LAVANDA

    Come coltivare i girasoli: coltivazione in giardino

    I girasoli sono molto belli dal punto di vista decorativo. Come coltivarli in modo naturale in giardino? Scegliete, prima di tutto, una zona ben esposta alla luce del Sole ed un punto dove la terra sia fertile e ben drenata, oltre che concimata con sostanze che contengano azoto, potassio e fosforo. Mescolate la terra con della torba e, anche in questo caso, preparatevi alla semina nel periodo primaverile o nel primo periodo estivo, scavando delle buche profonde circa 4-5 centimetri e distanti tra loro almeno di 35 – massimo 70 – centimetri, in modo tale che vi sia abbastanza spazio per le radici. Per quanto riguarda l’innaffiatura, dovrete farla quanto basta, facendo attenzione ad evitare ristagni d’acqua.

    CONSIGLI PER COLTIVARE LE VIOLETTE

    Come coltivare i girasoli: consigli

    I girasoli devono questo nome alla loro caratteristica di cercare continuamente il Sole, cambiando la loro inclinazione per ricevere più luce possibile: per sopravvivere, infatti, questa pianta necessita di una esposizione solare di almeno 4-5 ore al giorno. Potete applicare delle canne di bambù al fusto per aiutare la pianta nella sua crescita. Infine, ricordate di potare la pianta solo se i fiori sono danneggiati.

    Dolcetto o scherzetto?