Capodanno 2013, cosa fare? [FOTO]

da , il

    Mai come in questa fine d’anno si fa sentire l’attesa per il Capodanno 2013, una data che peraltro ci garantirà – una volta arrivata – la certezza che il temutissimo “guado” del 21/12/2012 (la fine del mondo secondo la profezia Maya) è stato felicemente superato, e che quindi possiamo concederci il lusso di proiettarci completamente nell’anno a venire. Che si attende migliore del precedente, più fortunato, più produttivo, più ricco. Ma dato che con i nostri miseri mezzi umani non abbiamo certamente il “potere” di prevedere il futuro, e tantomeno di influenzarlo, concentriamoci sul Capodanno, che almeno il rituale passaggio dal 31 dicembre al I gennaio sia davvero speciale e indimenticabile. Come trascorrere il Capodanno 2013? Vediamo qualche opzione.

    Capodanno 2013 a casa

    Complice la crisi, saranno tanti i nostri connazionali che decideranno di trascorrere il Capodanno 2013 tra le confortevoli mura domestiche, in compagnia degli amici e dei parenti più cari, perché alla fine, diciamocela tutta, non importa dove sei, ciò che conta è con chi sei. In coppia per una cenetta romantica al lume di candela, o con una nutrita compagnia radunata per l’occasione, l’importante, a Capodanno, è bandire la noia. Naturalmente il cenone, con le sue ricche portate e la sua tavola adeguatamente addobbata, occuperà una buona parte della serata, ma poi? Come ammazzare il tempo in attesa del brindisi di mezzanotte e… oltre? Una delle opzioni sempre vincenti è quella di organizzare dei giochi che coinvolgano gradi e piccini.

    La classica tombolata va sempre bene, ma anche i giochi da tavolo come il Monopoly, Risiko o Trivial Pursuit per una compagnia non troppo numerosa garantiscono ore spensierate. Giochi più dinamici sono il “gioco dei mestieri”, sempre divertente, “indovina il film” (sulla falsariga del precedente), e i vari giochi dei mimi. Oltremodo creativo il gioco dell’”inventa storie”, perfetto se nella nostra compagnia ci sono anche i bambini. Si estrae a sorte colui che dovrà avviare il gioco inventando un principio di racconto (più “pazzo” è, più divertente sarà il prosieguo) e poi via via si avvicenderanno gli altri avendo ciascuno due minuti a testa per la propria porzione di storia. In attesa della mezzanotte o… dell’alba!

    Capodanno 2013 all’estero

    Per chi non ha alcuna voglia di restare in casa per il Capodanno 2013, via libera ai pacchetti viaggio. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche, e naturalmente i last minute la faranno da padroni. Attendere il nuovo anno oltreoceano è una garanzia di divertimento, ad esempio a New York per il tradizionale Capodanno a Times Square, a Sidney, per accogliere il 2013 per primi nel globo, Capodanno in America Latina, per passarlo al caldo, in spiaggia. Restando nella vecchia Europa, le mete più gettonate per il Capodanno 2013 sono senza dubbio le capitali: Londra, Vienna, Madrid, Praga tra le altre. Ma per mete più originali e non troppo costose, possiamo optare per le capitali del Baltico, suggestive e meno conosciute, come Tallinn (Estonia), Vilnius (Lituania), Riga (Lettonia). Affrettatevi a prenotare!

    Capodanno 2013 altre idee

    Un Capodanno 2013 decisamente più tranquillo, all’insegna del benessere e della serenità ve lo potreste godere prenotando in una Spa o in un Centro Termale. Tutti i principali Centri Wellness italiani offrono pacchetti assai convenienti per trascorrere un 31 dicembre e un gennaio 2013 in relax. Anche un Capodanno in agriturismo potrebbe essere una buona idea, tutto sommato economica e sempre molto piacevole, all’insegna del buon cibo e del buon bere. Infine, per spendere meno ma essere certi del divertimento, allora perché non approfittare dei tanti Capodanno in piazza nelle città italiane? A Roma, ad esempio, il tradizionale concertone sarà animato da Pino Daniele, DJ Ax e Mario Biondi, mentre Firenze vedrà l’esibizione energetica dei Subsonica. A Rimini si esibiranno due dei giudici di X-Factor: Arisa e gli Elio (ma non insieme) mentre la splendida Mantova ospiterà Umberto Tozzi. Non resta che decidere!