Attrezzatura per tinteggiare casa: una guida utile [FOTO]

da , il

    L’attrezzatura necessaria per tinteggiare la casa. Dai pennelli al rullo, fino alla spugna e alla vernice, ecco una piccola guida utile per dedicarsi a questo lavoretto di bricolage a colpi di creatività e fai da te. Perché rinnovare le pareti della casa, dal soggiorno alla camera da letto, passando per bagno e cucina, con colori e fantasia è una missione decisamente possibile, un progetto più facile del previsto.

    Gli attrezzi del mestiere

    Non servono molte cose per tinteggiare con successo le pareti di casa. Servono, però, alcuni strumenti specifici ed è altrettanto necessario avere le idee chiarissime. Ecco tutto l’occorrente: stracci; acqua; una scala; pennelli piatti; pennellessa; rullo; secchio con griglia; vernice dei colori scelti per le pareti; manico telescopico; nastro adesivo di carta; carta da giornale, teli bianchi o di plastica.

    Istruzioni e consigli

    La prima cosa da usare, prima di imbiancare, è il panno umido, che si può sostituire o abbinare in presenza di pareti molto sporche a una spazzola con l’acqua, necessario per pulire la superficie da tinteggiare, per eliminare polvere o altri residui che rischiano di compromettere il risultato dell’opera da imbianchini provetti.

    Pulita la parete e asciugata completamente, lo step successivo è quello della protezione: si proteggono battiscopa e infissi, angoli, lampade e oggetti vari che non si vogliono sporcare con il colore, utilizzando il nastro carta e la carta di giornale. Anche i pavimenti, le finestre e i mobili andrebbero coperti per lo stesso motivo.

    A questo punto, non resta che passare all’azione, dipingendo il primo strato di colore, facendo il cosiddetto “fondo”, che serve da base per uniformare il colore della parete e garantire un risultato finale migliore, utilizzando un pennello piatto o una pennellessa. Per la seconda e l’eventuale terza mano di colore può essere utile utilizzare il rullo, che consente una stesura omogenea, più facile e veloce, del colore. Allo scopo, dopo aver intinto il rullo nel colore, per eliminare quello in eccesso, è preferibile passarlo sull’apposita griglia fissata sul secchio.

    Il manico telescopico, invece, si applica al rullo per tinteggiare il soffitto, per raggiungere facilmente anche i punti più alti e lontani. I particolari di pareti e soffitto, così come gli angoli e i profili, che dovrebbero essere colorati per primi, sono affidati alla manualità e al pennello piatto più piccolo (specifico per gli angoli) e si raggiungono con l’aiuto della scala.